gite autunnali
26 Ottobre 2018   •   Francesca Celani

Gite Autunnali nel Lazio: 7 luoghi idilliaci a contatto con la natura

«Il Lazio è una delle regioni più adatte per delle memorabili gite autunnali, grazie alle sue meraviglie naturali e i suoi borghi antichi, i quali permettono di ammirare i colori caldi autunnali e il foliage in tutta la loro bellezza»

I mesi che vanno da settembre a dicembre nascondo una vera e propria magica atmosfera, fatta di colori caldi, tramonti suggestivi e una natura mozzafiato; insomma, siamo nel periodo perfetto per le gite autunnali. E nel Lazio, con i suoi borghi, la sua Tuscia, i suoi laghi e le sue riserve naturali, di posti perfetti per sensazionali gite d’autunno ce ne sono davvero tanti. Potrete fare un giro per i Castelli romani, visitare lo spaventoso parco di Bomarzo, o rilassarvi nelle splendide Terme dei Papi di Viterbo. Insomma, la scelta è davvero tanta!

Ecco 7 straordinari luoghi ideali per delle gite autunnali alla scoperta dei colori del Lazio!

Calcata

Calcata è uno dei borghi più belli d’Italia, e uno dei posti più indicati per delle indimenticabili gite autunnali. Questo luogo infatti vi porterà davvero indietro nel tempo: avrete l’impressione di trovarvi in un vero e proprio borgo medievale, sospeso su uno sperone e tinteggiato dai colori caldi della folta vegetazione che lo circonda. Si accede attraverso un portale che si apre tra le fortificazioni, e ci si ritrova subito nella piazza principale, dove affacciano i principali monumenti del paesino, ossia il Castello degli Anguillara e la Chiesa del SS. Nome di Gesù.

Ma i veri segreti li nascondono i vicoletti: stretti, pittoreschi, e costituiti da case in muratura o scavate nel tufo, e da botteghe artistiche e laboratori artigiani. Infatti, sebbene Calcata sia un borgo molto antico, è popolato da molti artisti e personalità estrose che si sono trasferite qui negli anni sessanta per ritrovare una vita genuina, dopo che il paesino era stato abbandonato da molti abitanti per il fenomeno dell’erosione, proprio come Civita di Bagnoregio. Da ogni parte del borgo, inoltre, grazie la sua posizione unica, si gode di un panorama straordinario sulla Valle del Treja, che con i colori dell’autunno, è ancora più sensazionale.

Cascate di Monte Gelato

La natura è la vostra passione? Allora una delle gite autunnali nel Lazio che fa per voi è una bella visita alle Cascate di Monte Gelato, tra le più belle del Centro Italia. Situate sempre nella Valle del Treja e non molto distanti da Calcata, le Cascate di Monte Gelato rappresentano un luogo fatato, quasi da film di fantasia: sembra che folletti e fatine possano uscire dalla ricca vegetazione da un momento all’altro. E vedere queste cascate circondate dal rosso e dal giallo della flora autunnale è uno spettacolo senza eguali. Per i più temerari e gli amanti del trekking, è possibile utilizzare le cascate come punto di partenza per un cammino verso Calcata, ma il sentiero è molto scivoloso ed è adatto solo a persone agili ed esperte.

Terme dei Papi di Viterbo

Se per le vostre gite autunnali avete in mente il relax più totale, le fantastiche Terme dei Papi di Viterbo, citate da Dante nella Divina Commedia e disegnate da Michelangelo, sono proprio quello che fa per voi. Le loro acque termali sono infatti tra le più preziose d’Italia fin dall’epoca romana. Avrete la possibilità di immergervi nella Monumentale Piscina Termale di oltre 2000 mq, alimentata dalla sorgente Bulilicame e ideale per un bagno super tonificante.

La cosa bella è che la piscina il sabato è aperta anche di notte, diventando così un luogo super-romantico ideale per una vera e propria fuga d’amore: immergervi nelle acque bollenti nelle fresche notti d’ottobre, sarà un’esperienza che ricorderete davvero per tutta la vita! Alle Terme dei Papi si trova anche una grotta naturale composta da bagno turco con cascatelle di acqua sorgiva di 58°C, e il loro vapore ha uno straordinario potere benefico.

Lago di Vico

Un’altra ottima idea per le gite autunnali è sicuramente una scampagnata al Lago di Vico. Un meraviglioso lago vulcanico, con quasi 100.000 anni di età, situato nella Tuscia Viterbese, e circondato da una natura incontaminata e dai suggestivi Monti Cimini tra i quali spiccano il Monte Venere e il Monte Fogliano. Lo splendore della sua natura è dato sicuramente dal fatto che il lago di Vico è una zona protetta, tenuta lontano dalla speculazione edilizia, fattore che ci ha permesso di poter ammirare ancora oggi tutta la sua autentica bellezza, proprio come secoli fa. Inoltre è anche il luogo ideale per gli amanti del trekking: tantissimi gli itinerari e le reti di sentieri che, offrendo un panorama mozzafiato sul lago, portano fino ai Monti Cimini.

Frascati

Dopo un bel giro per la Tuscia, spostiamoci ai Castelli Romani, precisamente in uno dei più belli e importanti, ossia Frascati. Situato a 326 metri d’altitudine, e con un panorama magnifico sulla capitale, Frascati è la scelta giusta per una delle gite autunnali fuori porta a pochi km dalla capitale. Meravigliose le sue Ville Tuscolane, in particolare modo Villa Falconieri, e la Cattedrale di San Pietro, di stile barocco e realizzata per la maggior parte con materiale locale, come il tufo delle cave dei Castelli Romani e il travertino di Tivoli.

Tra le cose da fare a Frascati è obbligatoria una passeggiata romantica per le vie del centro storico, e una sul meraviglioso belvedere, che offre una veduta di Roma a dir poco sorprendente. Ma Frascati è una delle gite autunnali ideali soprattutto per ogni amante del vino: infatti questo castello è famoso proprio per la sua straordinaria produzione vinicola!

Parco di Bomarzo

È quasi Halloween, e tra le gite autunnali di ottobre non può di certo mancare il parco dei mostri di Bomarzo, uno dei luoghi più misteriosi ed esoterici di tutto Italia. Qui mistero, fantasia e magia si fondono, creando un universo a parte, unico, spaventoso ma attraente, che con i colori caldi dell’autunno e il foliage diviene ancora più suggestivo! Il principe Pier Francesco Orsini, esperto di alchimia, infatti affidò all’architetto Pirro Logorio, forse facente parte di una setta esoterica, il compito di dare vita ad un giardino delle meraviglie, ed egli non lo deluse affatto. Non si sa ancora se la volontà del principe fosse quella di creare semplicemente un parco stravagante, o se in realtà vi sia un vero e proprio percorso esoterico all’interno del parco. Ad ogni modo, se siete curiosi di conoscere tutte le curiosità, vi consigliamo di fare un salto al Parco di Bomarzo con la nostra guida.

Cervara di Roma

Abbiamo aperto l’articolo con uno dei borghi più suggestivi d’Italia e chiudiamo con un altro che non ha nulla da invidiare al primo: Cervara di Roma. Patrimonio artistico e culturale di grande valore, e situato a più di 1000 metri d’altitudine sul livello del mare, il borgo di Cervara di Roma fa parte del Parco naturale dei Monti Simbruini: insomma, difficilmente non potrete capire perchè sia uno dei migliori luoghi per ammirare i colori autunnali.

Ciò che rende unico questo paese è che molti artisti nel corso del XIX secolo lo scelsero come fonte d’ispirazione: Morse, Hébert, Alberti; oggi vanta il titolo di paese scolpito nella roccia. Infatti negli anni ottanta, degli studenti dell’Accademia delle Belle Arti di Firenze, sotto la guida del Prof. Bianchi, insieme agli abitanti, scolpirono forme, figure e ritratti sulla roccia calcarea del borgo, creando così un vero e proprio museo a cielo aperto. Per questo Cervara di Roma è conosciuto anche come il paese degli artisti! Tra i punti di interesse da visitare vi sono infatti la Scalinata degli Artisti, la Scalinata della Pace, la Chiesa di Santa Maria della Visitazione e l’antica Rocca Medievale.

Foto Copertina: @Fabrizio Russo via Flickr CC. 2.0

Francesca Celani