laudemio frescobaldi
20 Dicembre 2018   •   Marcella Scialla

Laudemio Frescobaldi: l’eccellenza toscana compie 30 anni

«Dalle colline che circondano Firenze nasce il Laudemio Frescobaldi, la massima eccellenza nel panorama dell’olio extravergine d’oliva italiano che giunge, quest’anno, al suo 30° anniversario in una veste esclusiva e preziosa.»

La Toscana è da sempre nota per il suo grande patrimonio olivicolo. Non è un caso, dunque, che sia proprio questa terra a regalare un prodotto gastronomico d’eccellenza, un vero e proprio oro liquido: l’olio extravergine d’oliva Laudemio Frescobaldi. Se siete ancora indecisi sul regalo di Natale da fare all’amico esperto di cucina o ad una persona molto cara con quest’autentica eccellenza italiana andrete certamente sul sicuro. Ricco di polifenoli, dal colore verde smeraldo e dal sapore intenso e piccante, il Laudemio Frescobaldi è frutto di una rigida selezione e di una serie di accorgimenti o, per meglio dire, di regole d’eccellenza: le olive vengono raccolte a mano prima della maturazione, tra i mesi di ottobre e novembre, e frante non oltre le 24 ore successive nel frantoio di proprietà. Dopo una serie di assaggi, viene infine selezionato solo il miglior olio extravergine d’oliva, deputato ad essere imbottigliato ed etichettato come Laudemio Frescobaldi.

Storia del Laudemio Frescobaldi

È tra le colline che abbracciano Firenze che si estendono i circa 300 ettari di uliveti della famiglia Frescobaldi e che ha inizio la storia di questo straordinario prodotto. Era il 1986 quando, in seguito a una rovinosa gelata che annientò il 90% degli uliveti toscani, i Frescobaldi decisero di risollevare l’olivocoltura locale, puntando tutto sull’eccellenza dell’olio extravergine d’oliva. Fu così che, in maniera del tutto pioneristica e lungimirante, prese vita il consorzio Laudemio e che, quasi come una pietra miliare,  fu piantato il primo ulivo presso la tenuta Frescobaldi di Castello di Nipozzano dal Principe Carlo d’Inghilterra. Nel 1989 si coglievano i primi frutti e da quel momento ad oggi il Laudemio Frescobaldi è giunto al suo 30° raccolto, rappresentando la massima eccellenza dell’olio extravergine d’oliva.

Il 30° raccolto del Laudemio Frescobaldi

Il 2018 celebra dunque il 30° raccolto del prezioso Laudemio Frescobaldi: un raccolto del tutto eccezionale che, grazie anche all’andamento climatico favorevole, sprigiona aromi di frutto fresco e un sapore molto elegante che ben si sposa con i caratteristici sentori di amaro e piccante. Ad impreziosirlo ancor di più un packaging d’eccezione: l’elegante bottiglia dal design retrò e dalla forma ottagonale si veste d’oro per l’occasione, a sottolineare proprio lo straordinario valore dell’olio Laudemio Frescobaldi. Una bottiglia già iconica e del tutto unica nel suo genere, che ricorda nella forma le vecchie ampolle di profumo francese, che lascia vedere e esalta, attraverso le sfaccettature del vetro, i riflessi e il colore verde smeraldo brillante dell’olio. Al contrario dei comuni oli extravergine d’oliva, ogni bottiglia di Laudemio Frescobaldi riporta sull’etichetta l’annata del raccolto e viene venduta in appositi astucci singoli, al fine di proteggere l’olio dagli effetti della luce e di garantirne quindi la perfetta conservazione.

@frescobaldi

Il Laudemio, nome con cui un tempo si indicava la parte migliore del raccolto che veniva offerta al proprietario delle terre, è sinonimo di pregio e qualità. Fedele alleato della dieta grazie alle sue proprietà organolettiche, prezioso in cucina per esaltare il sapore di piatti grazie al suo gusto deciso ma non invadente, rappresenta la quintessenza di Toscana e la sua grande arte olearia nel mondo.

Marcella  Scialla