cosa vedere a Napoli
26 Settembre 2018   •   Federica Portoghese

“Vedi Napoli e poi muori”, la verità dietro un semplice detto

«La parte sotterranea, le passeggiate sul lungomare, il tour gastronomico tra le pizzerie più buone e tanto altro ancora. Se non sapete cosa vedere a Napoli prendete carta e penna e segnatevi questi consigli. Di certo non rimarrete delusi.»

Servirebbero troppe parole per raccontare Napoli. Per fortuna ci ha pensato il rinomato scrittore tedesco Goethe a definire in maniera sensazionale lo stupore e la magia di questa città: “Vedi Napoli e poi muori”. Non è solo un semplice aforisma, ma la visione della realtà vissuta dagli occhi di chi ne è rimasto folgorato dal fascino, un colpo di fulmine, un amore a prima vista, quasi a sottolineare che non vi è esistenza alcuna senza prima averla immortalata in mente. Fare un elenco di cosa vedere a Napoli non è affatto semplice, anche perché la città partenopea è un insieme di cose bellissime: cultura, gastronomia, storia, arte, musica, folklore, tradizioni popolari, e soprattutto il sentimento di una città che ha tanto da offrire e tanti tabù da sfatare. Spesso, la frase “Vedi Napoli e poi muori”, è utilizzata con accezione negativa, in riferimento alla morte, all’annullamento della vita terrena, ma in realtà essa racchiude in sé molti significati ricchi di spunti d’interpretazione. Il famoso aforisma può essere, infatti, metafora di bellezza, di convivialità, ma anche di accoglienza, e soprattutto di rinascita. Napoli è bellezza pura, cuore aperto, generosità e vita surreale.Di sapere cosa vedere a Napoli, ve lo assicuriamo, non vi stanchereste mai!

Contrapposizione alla normalità, quotidianità affascinante e regole proprie. Napoli è sorrisi a trentadue denti, marachelle, umanità, intelligenza e furbizia. Cultura e buona cucina, umiltà e altruismo, Vesuvio e cuore caldo. Quel diverso modo di vivere colpì anche Goethe, il quale parlò di una vera e propria attitudine all’esistenza, un modo diverso di intendere la vita, che continua a manifestarsi ancora oggi, definendo unici i napoletani, guardati con profonda ammirazione, come dichiarò più volte. Una città viva, accogliente e disarmante. Un luogo in cui bellezza e degrado, fede e superstizione, storia e modernità convivono e si mostrano in un vero e proprio teatro della vita in cui voci, colori, odori e scorci unici si mescolano secondo rigori e discipline che valgono solo lì.

Cosa vedere a Napoli: le bellezze da non perdersi

Per non farvi trovare impreparati, vi consigliamo le principali cose da vedere a Napoli che non possono proprio mancare nei vostri itinerari di viaggio verso la città partenopea.

Spaccanapoli: il cuore della città

Per avere un assaggio della vita quotidiana della città, venite a passeggiare su questa strada. Se guardata dal quartiere Vomero, dall’alto del museo di San Martino, si può capire il perché di questo nome: la strada taglia in due il centro storico di Napoli, segnando una linea retta che va dai Quartieri Spagnoli a Forcella. Vista dall’alto vi colpirà la combinazione di colori che caratterizza il centro storico e fa di Napoli una delle città più colorate d’Europa. Spaccanapoli racchiude tutta l’essenza di Napoli: gli splendidi monumenti che ne narrano la storia, le botteghe degli artigiani, i pescivendoli che urlano e il caos di persone e motorini che sfrecciano incuranti del codice stradale. Se volete sapere cosa vedere a Napoli, non può mancare una passeggiata lungo Spaccanapoli… ma tenete gli occhi ben aperti, soprattutto quando attraversate!

Castel dell’Ovo e Mergellina

Uno dei motivi che rende Napoli una città unica è anche il legame che quest’ultima ha con il mare. Non può quindi mancare una passeggiata sul lungomare fino a Castel dell’Ovo. Vi consigliamo infatti di arrivare al castello, partendo dal quartiere Mergellina e passeggiando sullo splendido lungomare di Napoli. Come riferimento potete avere l’omonima stazione metro. Arrivare al mare da Mergellina ha tutto un altro sapore che arrivarci dalle vie del centro storico.

Passeggiando sul lungomare Caracciolo e attraverso la villa comunale, potrete godere di una vista meravigliosa sul Golfo di Napoli e, se la giornata è particolarmente serena, vedrete anche la silhouette dell’isola di Capri. Alla fine di questa passeggiata ci sarà ad accogliervi Castel dell’Ovo. Costruito su un isolotto, è uno dei castelli più antichi di Napoli e prende il nome dalla leggenda che vuole che Virgilio abbia posto nei suoi sotterranei un uovo la cui rottura poteva causare una serie di sciagure per la città. Dalle terrazze del Castello si gode una magnifica vista sull’intero golfo, mentre alle spalle si può ammirare l’intera città.

luoghi della cultura

Piazza del Plebiscito

Piazza del Plebiscito è un luogo simbolo di Napoli. Deve il suo nome al plebiscito popolare con cui Napoli ratificò l’annessione al Regno di Savoia nel 1860. Un tempo luogo di cerimonie militari, oggi è il palcoscenico su cui si tengono importanti eventi e manifestazioni artistiche. La piazza è delimitata da monumenti architettonici di grande bellezza, tra questi: il colonnato in stile neoclassico della chiesa di San Francesco di Paola e il Palazzo Reale.

Tour della stazione metropolitana

Per spostarvi da un quartiere all’altro probabilmente userete la rete metropolitana ma, a Napoli, vi consigliamo di prendervi del tempo fra un treno e l’altro, guardarvi intorno e ammirare le opere di arte contemporanea che l’amministrazione di Napoli ha deciso di esporre nelle stazioni metro della città. Opere così interessanti e affascinanti che, nel 2012, la stazione metro Toledo si è aggiudicata il titolo di stazione metro più bella d’Europa secondo il quotidiano The Daily Telegraph.

Museo Archeologico

Gli amanti della storia e delle antichità sicuramente sapranno già che il Museo Archeologico di Napoli è uno dei musei più prestigiosi in Italia e ospita opere e reperti di valore inestimabile. Qui infatti potrete ammirare reperti dell’epoca egizia, etrusca, greco-romana e i ritrovamenti degli scavi di Pompei, organizzati in 26 sezioni a tema. Nel vostro tour alla scoperta di cosa vedere a Napoli una tappa qui non può davvero mancare!

Napoli sotterranea

Se non soffrite di claustrofobia, un tour imperdibile è quello nella Napoli sotterranea. Si tratta di un reticolo di tunnel e cisterne che si estende sotto la città ad una profondità che arriva fino a quaranta metri. Per due ore sarete quindi nel ventre di Napoli e potrete ammirare gli scavi che furono ampliati dai romani per servire da acquedotti e poi riutilizzati durante la Seconda Guerra Mondiale come rifugi contro i bombardamenti.

Durante il tour vedrete ancora alcuni oggetti di vita quotidiana della gente lì rifugiatasi durante la guerra e poi la serra, il giardino, la cisterna e persino il teatro, insomma una vera e propria città nel sottosuolo. Uno degli ingressi della città sotterranea si trova in via dei Tribunali, una via del centro storico piena di locali e pizzerie.

napoli sotterranea

Se volete quindi raccogliere le energie prima di questo giro alla scoperta di cosa vedere a Napoli, potete calmare la fame con il piatto più famoso di Napoli: la pizza. Piatto conosciuto e rivisitato in tutto il mondo, la vera pizza è solo quella napoletana: sottile e con i bordi alti, tanto che a volte i napoletani farciscono anche quelli. Qui avrete l’imbarazzo della scelta ma noi vi consigliamo le pizzerie Sorbillo o Di Matteo. Se scegliete Sorbillo, non stupitevi della coda davanti alla porta ancor prima che apra: la pizza è di una bontà unica e viene servita in pochi minuti, mentre da Di Matteo provate la pizza fritta, anche quella una specialità da non farsi mancare!

pizzerie a reggio calabria

Insomma, come diceva sempre il grande Pino Daniele, Napule è mille culure, è mille colori, sensazioni e sfumature. Si dice che chi vede Napoli e poi se ne va via soffre di napolitudine, il termine indica la sensazione di malinconia descritta dai turisti e dagli stessi napoletani nel momento in cui si allontanano dalla città.

Napoli va amata, così com’è, con le sue paure e il caos della notte, per le urla in strada, per la strafottenza e lo stile di vita unico, per il sole e il mare, per la pizza e le sfogliatelle, per i disagi e i cuori grandi, per il caffè e il pranzo della domenica, per l’esagerazione e l’enfasi accentuata, per l’amore smisurato dei suoi abitantii e per tanti altri motivi… Ora che sapete cosa vedere a Napoli non vi resta che partire: al ritorno, statene certi, saprete cosa significhi veramente “Vedi Napoli, e poi muori”.

Federica Portoghese