Primo Maggio a Roma
26 Aprile 2018   •   Argia Renda

Primo Maggio a Roma, ecco 5 idee per un fantastico “ponte”

«Primo Maggio a Roma, non solo il Concerto di Piazza San Giovanni, il tour della città e dei suoi dintorni vi aspetta con tante novità e curiosità.»

Il calendario quest’anno è stato clemente, il weekend che anticipa il Primo Maggio a Roma, ovvero la Festa dei lavoratori, per il 2018 avrà un sapore diverso, non solo per la sua lunghezza, ma anche per la primavera e il fascino della città eterna. Come anticipato non ci sarà solo il famoso Concerto di San Giovanni a catalizzerà la nostra attenzione e quella dei turisti, che arrivati nella capitale, dopo aver provveduto alla ricerca della stanza, dovranno preoccuparsi solo di uscire zaino in spalla e cominciare il tour della città e dei suoi dintorni. Spettacoli, eventi culturali, gite fuori porta, feste, sagre e eventi, sono tante le cose che vi aspettano, basta solo un po’ di curiosità e spirito di avventura!

LAGO DI CASTEL GANDOLFO

Castelli Romani, provincia di Roma, questa potrebbe essere la vostra prima tappa per il Primo Maggio a Roma. Una volta arrivati, ad attirare l’attenzione sarà il Lago Albano, il più profondo d’Italia, caratterizzato dalla particolare forma circolare, che deriva dalla natura vulcanica e da 5 grosse esplosioni che hanno controbuito alla sua formazione. Pur non avendo dei centri abitati che si affacciano sulle sue rive, quello più vicino è Castel Gandolfo, inserito tra i borghi più belli d’Italia e conosciuto come residenza estiva del Papa, appartenente prima alla famiglia genovese dei Gandolfi e poi alla Camera Apostolica della Santa Sede, diventando centro di villeggiatura di Papa Urbano VIII. Ad ogni modo il luogo è sempre stato pieno di stranezze e curiosità, come ad esempio gli abitanti del fondale, diventato negli anni un vero e proprio arsenale subacqueo, pieno di barche affondate o abbandonate in giornate di maltempo, residuati bellici e ordigni esplosivi come un fucile ritrovato da un uomo che stava nuotando con maschere e pinne.

VILLA ADRIANA

Trasferiamoci a Tivoli, per un Primo Maggio a Roma da non dimenticare; residenza imperiale voluta dall’imperatore Adriano, costruita sula base di un edificio già esistente, nel 1999 è diventata Patrimonio dell’UNESCO e nel 2014 è stata tra i siti italiani più visitati; situata su i Monti Tiburtini, l’interno della struttura rispecchia in pieno l’architettura romana del tempo. La caratteristica della villa unica nel suo genere è quella di essere divisa in edifici tutti collegati tra di loro: le Piccole Terme, il Ninfeo Stadio e cosi via; ma la cosa ancora più particolare è che all’interno sono stati riprodotti i tanti luoghi visitati dall’imperatore duranti i suoi viaggi: il Pecile, un grande giardino per le passeggiate, il Canopo, bacino d’acqua con colonne e statue, le Grandi Terme riservate al personale addetto alla villa, la Sala dei Filosofi, il Teatro Greco e il Teatro Marittimo, dove Adriano si rifugiava per pensare.

VILLA D’ESTE

Non è finita qua, sempre restando a Tivoli il vostro Primo Maggio a Roma potrebbe proseguire con la visita di questo meraviglioso giardino inserito nella lista dell’UNESCO, arricchito da sedici fontane, oltre alle grotte, ai ninfei e alle musiche idrauliche. Presa più volte come punto di riferimento e modello per altre costruzioni avvenuta anche in Europa, è nata dall’idea del Cardinale Ippolito II d’Este, governatore della città dopo la delusione per la mancata elezione al soglio pontificio; l’opera è stata realizzata da Pirro Logorio, che ha arricchito il tutto con il Vialone, La Gran Loggia e la Grotta di Diana, decorata con mosaici di pietre, arricchite da bassorilievi che rappresentano diverse scene, tra cui quella di Dafne trasformata in Alloro dagli Dei per sfuggire ad Apollo, oppure Callisto, trasformata in orsa per la gelosia di Era nei confronti di Zeus.

PRATONI DEL VIVARO

Spostandoci verso l’altopiano dei Colli Albani, frazione facente parte per metà al comune di Rocca di Papa e per metà a quello di Velletri, la zona perfetta per essere visitata durante il weekend del Primo Maggio a Roma, è questa, citata molte volte dagli storici Tito Livio e Dionisio di Alicarnasso per essere stata importante punto di crocevia, nel 1959 ha accolto un Centro Ippico voluto dal Comitato Olimpionico Nazionale Italiano e usato per la prima volta durante le Olimpiadi di Roma nel 1960.

FIERA DEL GUSTO

Per concludere in bellezza in vostro weekend per Primo Maggio a Roma, dal 29 Aprile ci sarà la Fiera del Gusto, piazza Garibaldi sarà piena di produttori con prodotti tipici da gustare. Inoltre il tutto verrà arricchito dagli spettacoli di apertura e chiusura con le bande musicali, i documentari dedicati alla storia della comunità e stand con cibo, birra e vino dei Castelli Romani.

Argia Renda