panettoni artigianali
21 Dicembre 2017   •   Redazione

Panettoni artigianali italiani: 5 tra i migliori e come sceglierli

«Natale è alle porte e, tra i tanti acquisti del momento, non possiamo certo dimenticarci il panettone, un grande classico tutto Made in Italy. Oggi vi portiamo alla scoperta di alcuni panettoni artigianali degni di essere provati, dandovi anche qualche consiglio su come sceglierlo senza rischiare figuracce!»

Mai come in questo caso spendere un po’ di più è garanzia di qualità: in Italia abbiamo moltissimi panettoni artigianali degni di nota, e una tavola sempre più ricca di ottimi prodotti che, da nord a sud, danno vita a una sfida all’ultimo candito. Perciò se nell’eterna lotta tra panettone e pandoro la vostra scelta ricade sul dolce simbolo di Milano siete al posto giusto. Ecco qualche consiglio sulla scelta dei migliori panettoni artigianali.

Costo e data di scadenza

Il panettone è un dolce soggetto a decreto: per essere definito tale deve contenere lievito madre, farina di frumento, zucchero, uvette e canditi per non meno del 20%, uova, materia burritica e sale. È consentita l’aggiunta di altri ingredienti e materie prime non previste dalla ricetta originale (miele, malto, latte, cacao), mentre è assolutamente vietata quella di alcuni ingredienti tanto cari alla produzione alimentare industriale, come i grassi idrogenati o l’olio di palma. Per farla breve, anche il panettone a 3 € al chilo, onnipresente in quasi tutti i supermercati, non può contenere olio di palma.

Attenzione, poi, alla data di scadenza. A tutti gli effetti è un indicatore della natura artigianale (o industriale) del prodotto. Se va oltre i 60 giorni si può dubitare dell’artigianalità del prodotto, che di solito non dura più di 30/35 giorni se non fatto con ingredienti come emulsionanti o acidi grassi che ne aumentano il periodo di conservazione.

panettoni artigianali

Panettoni artigianali italiani da provare

Mamma Grazia: in provincia di Salerno, a Nocera Superiore, Mamma Grazie è un laboratorio a gestione familiare che lavora da oltre trent’anni con materie prime di qualità e lievito madre. Le lunghe lievitazioni e la lavorazione tradizionale garantiscono la qualità dei prodotti. Diverse sono le proposte: dal panettone cioccolato e pera al cosiddetto “Cilento”, che prende il nome dalla farcitura di fichi bianchi tipici della zona campana. Il laboratorio, comunque, offre anche soluzioni più classiche, come il panettone alle noci o quello al cioccolato fondente e nessuna di queste scelte vi deluderà, garantito!

Pasticceria Merlo: imperdibile per chi ama la frutta, il panettone di questa pasticceria vicino Milano (Pioltello) è un’edizione limitata. Tra i suoi ingredienti si può trovare la frutta semicandita – non solo la classica come mele e agrumi ma anche ananas e pere.

I Banchi: panificio, ristorante e negozio di Ragusa, i suoi cuochi si sono dati da fare per creare tre panettoni artigianali a tema Sicilia. Bassi, fatti con lievito madre, burro, uova e farina italiana, ognuno di essi rappresenta un pezzo di Sicilia. Il più tradizionale è fatto con arancia, cedro, uvetta e mandorla pizzuta d’Avola. Il secondo è con mandarino tardivo di Ciaculli, cioccolato di Modica e zucchero integrale mentre il terzo con pera Spinella, mela Cola dell’Etna e pistacchio Raffadali. Veri panettoni artigianali siciliani insomma!

panettoni artigianali

Maculan: azienda vinicola di Breganze, nei pressi di Vicenza, per questo Natale lancia il panettone artigianale Trocolato. L’uvetta di questo panettone ha un segreto: viene immersa per lungo tempo nel Trocolato, vino annata 2012, noto per la sua aromaticità. Il prodotto direttamente legato al vino è disponibile anche in confezione con bottiglia di vino inclusa.

Panificio Marinato: gestito dal campione europeo e mondiale dei panificatori, Enzo Marinato, questo panificio vicino Venezia produce un panettone sapido e con una dolcezza non stucchevole. L’esperienza di Enzo è data dal suo girare continuamente il mondo per tenere consulenze e corsi, rimanendo così sempre aggiornato e alimentando la passione nel produrre i panettoni artigianali e i canditi.

E voi? Avete mai provato questi panettoni o avete altri suggerimenti?

Ilaria Roncone