Wellmade
20 Settembre 2018   •   Lavinia Micheli

Wellmade: la piattaforma online amica dell’artigianato italiano.

«Se camminando fra le vie affollate del centro delle vostre città, almeno una volta nella vita, vi siete sentiti sopraffatti dalle grandi catene di negozi, Wellmade fa al caso vostro.»

Wellmade è una piattaforma online nata per conoscere e usufruire dei servizi dei migliori artigiani presenti nel nostro Paese. L’idea è italianissima ed è stata avviata nel 2016 dalla Fondazione Cologni dei Mestieri d’Arte insieme a Dario Riva ed Edoardo Perri, fondatori di Whomade, uno studio di design creativo legato ad un artigianato d’avanguardia. La Fondazione Cologni dei Mestieri d’Arte è un’istituzione privata no-profit di Milano che dal 1995 si spende per promuovere iniziative culturali, scientifiche e divulgative per tutelare e diffondere i mestieri d’arte.

Il principio alla base di questa piattaforma è la promozione della scoperta delle botteghe artigiane e dell’incontro personale con i mastri artisti. Per toccare con mano la bellezza che si cela dietro ogni prodotto artigianale e riscoprirne la storia attraverso la maestria dell’artigiano che l’ha ideato e costruito.

Come funziona Wellmade?

Il concetto base di Wellmade è piuttosto semplice ed intuitivo: alla maniera di altre piattaforme online conosciutissime come Trip Advisor o Airbnb, si tratta di inserire il proprio termine di ricerca e, una volta trovato ciò che vi serve, usufruire del servizio e poi recensirlo affinché altri clienti possano usufruirne a propria volta.

Gli artigiani sono tutti scelti in base ad un certo criterio d’eccellenza che ricalca la ricerca realizzata nel 2014 da Alberto Cavalli, Giuditta Comerci e Giovanna Marchello: Il valore del Mestiere. Grazie a questa ricerca, gli studiosi hanno costruito una sorta di griglia di valutazione dell’eccellenza artigiana che comprende 11 specifici criteri-chiave d’eccellenza, testati ed ampiamente condivisi a vari livelli. Artigianalità, autenticità, competenza, creatività, formazione, innovazione, interpretazione, originalità, talento, territorialità e tradizione. “Wellmade è nato come un aggregatore per la ricerca, la conoscenza e la condivisione di tutto ciò che è ben fatto”, come si legge sul sito ufficiale della piattaforma.

Le potenzialità e le opportunità di Wellmade

La ricerca del nostro artigiano è guidata e si può svolgere all’interno di cinque macro-aree: Vestirsi e Ornarsi, Arredare e Decorare, Muoversi e Viaggiare, Fare Musica e Spettacolo, Conservare la Bellezza. Dopo essersi iscritti alla community, come potenziale cliente o come artigiano, il gioco è fatto. Il segreto sta nella condivisione di esperienze e prodotti, dato dall’interazione fra artigiani, utenti, ambasciatori e circuiti. Wellmade diventa uno strumento indispensabile per la conoscenza del migliore artigianato italiano grazie ai circuiti di riferimento e alle recensioni lasciate dagli utenti.

Infatti non solo si possono sfogliare i profili degli artigiani già presenti, ma segnalarne di nuovi oppure condividere la propria esperienza sui social. Dall’altra parte gli artigiani hanno l’opportunità di crearsi una vetrina online gratuitamente, raccordando il proprio lavoro d’eccellenza allo straordinario potere dei social, entrando in contatto tra di loro tramite la creazione di circuiti.

Insomma, se si ci si può servire della rete per ricercare alberghi, case, oggetti di ogni tipo, lo si può fare anche per ricercare prodotti artigianali di qualità in maniera semplice. Nello stesso tempo valorizzando la bellezza del Made in Italy e la qualità, risultanti dalla storia che c’è dietro ogni frutto dell’artigianato. In una società che spesso è priva di memoria, ripartiamo dalle persone e dal loro lavoro, spesso dimenticati dietro le insegne luminose dei grandi centri commerciali.

Foto copertina: Pagina Facebook Wellmade

Lavinia Micheli