visibilità su google
17 Giugno 2019   •   Snap Italy

Visibilità su Google: migliorala con una strategia di marketing B2B!

«Vuoi migliorare la tua visibilità su Google ma non sai da dove partire? Niente paura: ecco una strategia di marketing B2B efficace e vantaggiosa.»

L’ottimizzazione SEO è una delle risorse più importanti che le aziende B2B hanno a loro disposizione per attirare nuovi clienti. Molte, però, non ne capiscono l’importanza, perdendo opportunità preziose e dando indirettamente un vantaggio ai propri concorrenti. Di cosa si parla quando si cita il termine SEO? SEO è un acronimo di Search Engine Optimization, e si tratta di un aspetto fondamentale da tenere presente per migliorare la visibilità su Google (o su altri motori di ricerca) del nostro sito e generare, quindi, più traffico. Più traffico, per il sito internet di un’azienda, significa marketing più efficace e maggiore visibilità. Il risultato? Più vendite. Infatti, la maggior parte degli acquisti, soprattutto nel commercio online B2B o interaziendale, è preceduto da una ricerca per confrontare le offerte migliori sul mercato. Secondo le stime, circa il 60% delle aziende si basa su accurate ricerche online per scegliere i propri partner e valutare opportunità di collaborazione.

Sisibilità su Google: di cosa si tratta, esattamente?

Lo scopo principale è quello di rendere le pagine principali del nostro sito web più visibili, cioè fare in modo che le ricerche di Google di un potenziale cliente indirizzino al nostro sito, che verrà visualizzato in posizione più vantaggiosa rispetto alla concorrenza.  I motori di ricerca riusciranno a leggere e a indicizzare al meglio un sito SEO friendly, ovvero strutturato in modo da facilitarne la lettura e l’indicizzazione da parte di Google e affini.

Tenendo presente questo, gli aspetti da curare per ottimizzare un sito sono molti, e affidarsi a una valida agenzia di web marketing (in grado di fornire svariati servizi, dall’ottimizzazione SEO alla creazione di una strategia di lead generation) è la scelta migliore per essere sicuri di non trascurare elementi essenziali. È fondamentale che l’agenzia abbia esperienza maturata nel settore business to business, perché le logiche di comunicazione e di marketing sono differenti rispetto ad un negozio online o di prossimità.

Quali sono le differenze tra B2B e B2C?

La differenza fra un business B2B e uno B2C sta innanzitutto nel target a cui ci si riferisce. Le aziende B2B si occupano di scambi di prodotti o servizi fra società, mentre un’attività B2C vende i propri prodotti direttamente al consumatore finale. Ne consegue che il processo di vendita è molto diverso: il ciclo di vendita di un’azienda B2B è molto più lungo, e comprende lunghe fasi di contrattazione e di raccolta di informazioni. Viene da sé che ciò influisce anche sul tipo di SEO necessaria per la propria attività. Un’azienda specializzata in B2B avrà bisogno di campagne SEO più intensive, incentrate su keyword specifiche e specializzate in modo da attirare l’attenzione degli addetti ai lavori. Rispetto ad un obiettivo di vendita immediata nel B2C, la maggiorparte delle volte l’azienda ha bisogno di opportunità, di lead di valore, sui quali costruire una strategia di medio-lungo periodo.

A cosa prestare attenzione?

La struttura del sito, in particolare della homepage, è fondamentale. Un sito ben ottimizzato permette al visitatore di capire immediatamente e in modo chiaro che tipo di prodotto o servizio viene offerto, e soprattutto dare un’immagine che comunichi fiducia e incoraggi il potenziale cliente all’acquisto. Perché, tra tutte le aziende sul mercato, il cliente deve scegliere proprio la nostra? Facciamoglielo capire subito, con una homepage ben strutturata.

La concorrenza, specialmente nel mercato B2B, va tenuta in considerazione nella nostra strategia SEO. Rispetto alle vendite al dettaglio, che spesso sono concluse molto rapidamente con clienti che agiscono d’impulso, una vendita interaziendale ha tempi generalmente più lunghi e deve soddisfare esigenze più specifiche. La fase di ricerca sarà particolarmente approfondita, così come il confronto fra le varie offerte presenti sul mercato. Se possibile, sfruttiamo queste ricerche a nostro vantaggio includendo una pagina dedicata al confronto con la concorrenza: il nostro prossimo cliente potrebbe infatti essere alla ricerca di un’alternativa a un fornitore che già conosce, e potrà più facilmente trovare il nostro sito se lo dotiamo di una pagina così mirata.

Visibilità su Google: l’importanza delle parole chiave

Keywords: le parole chiave che vengono ricercate tramite i motori di ricerca sono la base di un buon lavoro di ottimizzazione. Usando le giuste parole chiave l’utente può migliorare la visibilità su Google del nostro sito. Come sfruttarle? Ad esempio, una pagina dove vengono spiegate, in modo dettagliato, le caratteristiche della nostra offerta è l’ideale per inserirle nel contesto più adatto. Oltre a questa, una grande opportunità, meno ovvia, per l’inserimento di buone parole chiave è la meta description, ossia la breve descrizione di una pagina web che viene visualizzata nel motore di ricerca. Le parole chiave corrispondenti alla ricerca dell’utente vengono evidenziate: approfittiamone! Inoltre, se la nostra descrizione comunica efficacemente all’utente le caratteristiche della nostra offerta, la probabilità che il nostro sito venga cliccato è molto alta. Come conseguenza, un alto numero di clic verrà premiato dall’algoritmo del motore di ricerca, incrementando ulteriormente la nostra visibilità online efficacia della comunicazionee l’.

Rispetto a un’azienda B2C, un’attività B2B dovrà prestare attenzione a caratteristiche differenti della propria campagna SEO. Ad esempio, la lunga durata delle contrattazioni porterà a preferire la qualità e la precisione delle keyword piuttosto che la quantità, concentrandosi su termini utilizzati dagli addetti ai lavori e su keyword estremamente specifiche.