tennis in italia
24 Maggio 2019   •   Silvia Farris

Tennis in Italia: scopriamo qualcosa in più

«Galvanizzati dalla conclusione degli Internazionali d’Italia, scopriamo qualcosa di più sul gioco del tennis in Italia, dalla sua storia ai grandi campioni»

È successo, ci siamo appassionati. Sarà perché sono appena finiti gli Internazionali di tennis al Foro Italico nella nostra capitale oppure perché noi italiani con il tennis abbiamo un rapporto speciale. Questo gioco ormai dominato da stranieri che rispondono ai nomi di Roger Federer, Rafael Nadal, le sorelle Williams, Venus e Serena e Novak Đoković, sembra avere un fascino al di fuori da tempo e quasi oserei dire dalle mode. Uno sport in cui la calma, la precisione e la potenza, devono convivere in una stessa battuta e andare a punto insieme. Ecco i segreti e la storia del tennis in Italia.

Roger Federer campione tennis

Il tennis in Italia: le origini e la diffusione

Se tra i grandi fuoriclasse del tennis manca ancora un fenomeno italiano, non è detto che il nostro paese non abbia una tradizione ben radicata. La sua popolarità si deve a Nicola Pietrangeli che negli anni Cinquanta inizia la sua carriera, segnando il doppio più vincente della storia italiana, in coppia con Orlando Sirola. Nel 1956 i due campioni arrivarono alla finale di Wimbledon e nel 1959, tre anni dopo, vinsero il Roland Garros battendo Roy Emerson e Neale Fraser. Pietrangeli detiene ancora il record di titoli italiani assoluti in campo maschile nel nostro paese.

Arrivò poi Adriano Panatta che come il suo predecessore, divenne un’icona per il tennis italiano ed è tutt’ora riconosciuto come una delle sue più importanti stelle. Nel 1976 mette la firma sugli Internazionali d’Italia e sul Roland Garros e contribuisce alla conquista della Coppa Davis da parte della nazionale italiana. Se vogliamo ancora parlare di record, possiamo dire che fu l’unico a battere per ben due volte Björn Borg. Insieme a Corrado Barazzutti, dopo di lui, si qualifica a un’edizione delle finali del Masters e tutt’ora è il tennista italiano con il maggior numero di vittorie.

La diffusione del tennis in Italia deve molto alle reti Rai e Mediaset che sino agli anni Duemila trasmettevano i tornei con una buona regolarità. Le pay tv inizialmente permisero di diffondere la pratica del gioco con la racchetta in tutta la Penisola portando però poi alla cancellazione dai programmi della tv nazionale e al successivo disinteresse dei telespettatori.

Il Tennis in Italia: tennis femminile alla ribalta

Se il tennis maschile italiano perse presto i suoi cavalieri, quello femminile portò avanti l’onore dell’Italia. Negli anni Duemila grandi soddisfazioni vennero da quattro tenniste, che riuscirono a entrare tra le prime sette del ranking mondiale.

  • Francesca Schiavone al numero 4, vince nel 2010 il Roland Garros nel singolare per la prima volta nella storia per un’italiana e raggiunge la stessa competizione anche l’anno successivo ma perdendo in finale. La sua posizione nella classifica mondiale viene raggiunta dopo la finale degli Australian Open del 2011, battendo Svetlana Kuznecova.
  • Sara Errani al numero 5, arriva in finale al Roland Garros nel 2012 e semifinalista agli US Open. È la seconda italiana di sempre a raggiungere la finale in un torneo del Grande Slam. Nella sua carriera conta vittorie importanti contro rivali come Venus Williams e Jelena Janković, ex numero uno.
  • Flavia Pennetta al numero 6, vince gli US Open 2015 e seconda italiana ad aggiudicarsi un torneo del Grande Slam. Nel febbraio del 2011 ottiene il primo posto al mondo nel doppio, vincendo un totale di 17 tornei WTA ed è l’unica atleta del nostro paese a essersi aggiudicata un torneo Slam sia nel singolare che nel doppio.
  • Roberta Vinci al numero 7, vince 10 tornei WTA in singolare ed tutt’ora l’unica tennista italiana ad aver vinto un torneo su tutte le superfici di gioco, dal cemento al sintetico. Ottiene il settimo posto nel maggio del 2016 e il primo posto nel doppio, in coppia con Sara Errani. Il duo ha completato il Career Grand Slam e ha vinto un totale di 25 titoli WTA in doppio.

Internazionali d’Italia/Internazionali BNL

Li abbiamo citati più di una volta e li abbiamo seguiti sino a domenica scorsa. Gli Internazionali d’Italia sono un importante torneo tennistico italiano sia maschile che femminile. L’appuntamento al Foro Italico di Roma è sicuramente uno dei più rilevanti giocati sulla terra rossa subito dopo gli Open di Francia e fanno parte del circuito ATP World Tour Masters 1000, che raggruppa 9 tornei tra i più prestigiosi dopo quelli del Grande Slam.

Insieme al Roland Garros e al Torneo di Montecarlo formano lo Slam Rosso, un trittico su terra rossa. Dal 2011 vengono giocati nella seconda settimana di maggio e tornei maschili e femminili vengono disputati in contemporanea. Dall’edizione del 2002 hanno ufficialmente cambiato nome in Internazionali BNL d’Italia.

Silvia Farris