Metropolita cocktail bar
25 Luglio 2022   •   Alessandra Dedoni

Metropolita cocktail bar: luogo ideale dove celebrare l’aperitivo

«Freschi, bilanciati e colorati: ecco la nuova carta low alcol di Metropolita, il cocktail bar romano a cura di Giovanni Badolato.»

Metropolita è uno di quei cocktail bar a cui non è difficile affezionarsi già dopo la prima visita. Locale ubicato in zona Roma Nord, davanti al Ponte della Musica, questo indirizzo da ormai quattro anni è diventato un riferimento in città grazie all’atmosfera elegante, al servizio sartoriale e soprattutto alla qualità del bere miscelato. Fin dall’inizio, la lungimiranza della proprietà – Carlo e Roberto Annessi, Roberto Rabaglino – ha scommesso sull’offerta beverage in abbinamento a tapas gourmet, una formula che quest’estate asseconda sempre di più le abitudini di una clientela che negli ultimi tempi ha anticipato l’orario dell’aperitivo. Bere bene significa soprattutto bere responsabilmente. Così, per rendere accessibile un Negroni anche alle 6 del pomeriggio il barmanager Giovanni Badolato ha studiato una drink list snella e bilanciata, suggestionata dalla richiesta del ready to drink che è stata promossa a partire dallo scorso anno, quando venne inaugurato il window bar di Metropolita per l’asporto (tutt’ora operativo).

Miscele più leggere in termini di gradazione alcolica e dissetanti, che in molti casi prevedono l’utilizzo di prodotti organici, come rum e vodka, ma anche sodati. Tra questi dieci long drink c’è il Bulldog & Tonic, a base del freschissimo gin inglese e della Thomas Henry, tonica che porta il nome del famoso farmacista senza il quale non esisterebbe la bibita stessa. Se l’alternativa all’acqua tonica da aggiungere al Gin Tonic diventa una gazzosa amara, la tequila viene equilibrata con il mate, tè originario del Sudamerica ottenuto per infusione delle foglie di un agrifoglio sempreverde. In tema di virtuose collaborazioni, l’Apulian & Bubbles è invece un omaggio effervescente al collega Vito Parlapiano e interpreta una sorta di spritz con vino rosé naturale; la variante che strizza sempre l’occhio alla Puglia è invece con la birra. Nel segno della liquoristica greca è il Mastiha & Tonic, con il distillato che dà il nome al drink dai sentori di resina e macchia mediterranea, molto spesso viene usato proprio in bevute fresche ed estive.
Lo spazio di Metropolita cocktail bar, incastonato su due piani a Piazza Gentile da Fabriano, nell’area Nord di Roma, è caratterizzato da uno stile cosmopolita ed eclettico, suggestionato da una atmosfera che lo proietta nelle principali capitali europee A definire l’architettura è stato proprio uno dei proprietari, Roberto Rabaglino, architetto e designer che ha optato per mescolare legno e ferro alleggerendo la struttura grazie a delle luminose vetrate che corrono lungo il perimetro murario. Pensato come incubatore di nuove connessioni, arte e realtà musicali, Metropolita mette sempre di più in risalto la sua cucina utilizzando sul suo dehors esterno rinnovato e ampliato In aggiunta agli attuali 70 coperti interni, c’è anche un pittoresco dehors conta 40 sedute per mangiare e bere all’aperto, uno spazio verde confortevole e ben distanziato. Senza snaturare il suo concept, questo indirizzo è stato reso versatile rendendolo un contenitore diverso dove poter offrire un servizio completo abbinando cocktail e food.
Metropolita cocktail bar

La cucina

Ad accompagnare i drink di punta dell’estate romana, piccoli piatti in stile tapas curati a cura dello chef Andrea Magno da ordinare anche se si sorseggiano vino, Champagne e birre artigianali. Coerentemente con il bancone del bar, anche la cucina ha quindi usato un approccio leggero e sfizioso studiando una serie di assaggi da condividere e combinare in una formula da tris. In carta si trova la bruschetta con tapenade e baccalà, quella più sostanziosa alla norma, poi i maritozzi salati con tonno sott’olio homemade, l’irresistibile guacamole sempre fatto in casa e, per chi proprio non può rinunciare anche alla sola idea di pasta, ci sono gli spaghetti di zucchine croccanti con stracciatella di bufala e alici del Cantabrico, “magra consolazione” che non farà però rimpiangere il vero carboidrato. La carta della cucina si amplia durante il servizio della cena – in questo orario solitamente scatta anche l’ordinazione dei signature cocktail di Metropolita, come Green Pass, Black Mirror, Un Messicano a Roma – con alcune portate principali che rimangono fedeli a un tipo manifesto leggero ed healthy.
Già poco prima del calar del sole escono sul pass il trancio di salmone agli agrumi con peperoni in agrodolce e patate alla menta, spesso in combo con il riso venere (sempre profumato agli agrumi) e una ratatouille di verdure, stracciata di bufala e germoglio, ancora più raffinata è la Tartare selezione Sakura con uovo 64°, salsa di senape al miele e parmigiano reggiano 24 mesi Dop. Metropolita è operativo tutti i giorni dalle ore 18 fino all’1 (venerdì e sabato fino alle 2) tra uno spazio interno di 60 coperti e un dehors che ne conta circa 60. Pensato come incubatore di nuove connessioni, arte e realtà musicali, Metropolita ha programmato la propria estate con serate a tema e appuntamenti che renderanno l’atmosfera ambient e vivace di questo luogo ancora più vibrante.