Film di Bernardo Bertolucci
03 Gennaio 2019   •   Argia Renda

Film di Bernardo Bertolucci, il grande maestro del Novecento

«A quasi un mese dalla sua scomparsa, vogliamo ricordare alcuni dei più importanti film di Bernardo Bertolucci, con una breve carrellata di titoli di uno dei maestri del Cinema italiano.»

I film di Bernardo Bertolucci sono di certo la sua più autentica eredità, lasciata dal regista italiano, morto a 77 anni a Novembre 2018, dopo una lunga malattia che, durata da tempo, che lo aveva costretto su una sedia a rotelle; oltre che regista, anche sceneggiatore e produttore cinematografico, vincitore di due Premi Oscar nel 1988 come Miglior regista (unico italiano ad averlo vinto) e Miglior sceneggiatura non originale.

Tra i Film di Bernardo Bertolucci, che lo hanno reso il più rappresentativo al mondo, ricordiamo Il conformista, Ultimo Tango a Parigi, il tè nel deserto, Novencento e L’ultimo imperatore, titolo che insieme ad altri, in seguito, gli sono valsi il Leone d’Oro alla Carriera nel 2007 e la Palma d’Oro nel 2011 al Festival di Cannes.

Gli inizi: Accattone

La carriera di Bernardo Bertolucci, inizia fin da giovane, quando dopo aver abbandonato gli studi di Lettere, comincia a fare da assistente a Pier Paolo Pasolini, suo vicino di casa. Collaborazione che gli vale il suo primo lavoro per il film Accattone, set nel quale incontra Adriana Asti, sua compagna per diversi anni.

«Il cinema lo chiamerei semplicemente vita. Non credo di aver mai avuto una vita al di fuori del cinema; e in qualche modo è stato, lo riconosco, una limitazione.»
Bernardo Bertolucci

Ultimo tango a Parigi

La vera notorietà, però arriva nel 1972 con lo scandaloso Ultimo Tango a Parigi, film di Bernardo Bertolucci con Marlon Brando e Maria Schneider. Una pellicola molto trasgressiva che racconta il sesso come unica risposta possibile a tutto; il film, giunto in Italia nonostante le censure, si piazzò secondo nella classifica degli incassi della stagione. Una curiosità: per questo film, il regista è stato condannato e privato dei diritti civili per cinque anni, compreso il diritto al voto, per offesa al comune senso del pudore.

L’ultimo Imperatore

Gli Oscar arrivano negli anni Ottanta, quando tra i film di Bernardo Bertolucci arriva L’ultimo Imperatore, successo cinematografico che si aggiudica nove Premi Oscar, facendone un vero e proprio kolossal. Girato in Cina nel 1987 la pellicola è divenuta in breve tempo un simbolo della carriera di Bertolucci, tra i registi italiani più apprezzati in tutto il mondo.

Gli ultimi anni: da The Dreamers a Io e te

In seguito il regista torna a girare in Italia e tra i Film di Bernardo Bertolucci più amati troviamo Io ballo da sola (1996), L’assedio (1998) e The Dreamers – I sognatori (2003). Nel 2012 gira la trasposizione cinematografica del romanzo Io e te di Niccolò Ammaniti. Per quando riguarda la sua vita privata, dopo il divorzio sposò nel 1967 Maria Paola Maino, da cui divorziò nel 1972 per sposare nel 1978 Clare Peploe, sceneggiatrice e regista.

Per concludere, una curiosità: Bernardo Bertolucci era ateo: in un’intervista pubblicata nel volume Registi d’Italia, edito da Rizzoli, alla domanda «Bertolucci è credente?», il regista rispose, ridendo: «No, sono ateo, grazie a Dio. Come diceva Buñuel».

Argia Renda