botteghe alimentari
10 Agosto 2021   •   Marcella Scialla

Botteghe alimentari: mete predilette per i turisti del Nord Europa

«Ecco un piccolo tour tra le migliori botteghe alimentari, alla ricerca del souvenir più buono e gustoso: è qui che  i turisti del nord (Germania, Austria e Svizzera)vengono a fare spesa!»

Una volta posaceneri di conchiglie o calamite, poi T shirt, tovagliette e ceramiche. Da un paio di anni a questa parte, invece, alle Cesarine – la più antica rete di cuoche casalinghe d’Italia – i clienti provenienti dal nord Europa soprattutto, chiedono di conoscere le migliori botteghe alimentari e spesso fanno scorte di materie prime introvabili, nei loro paesi da portare a casa ad amici e parenti, soprattutto se viaggiano in macchina. Ecco dove le Cesarine portano i loro clienti (che ne escono con sacchetti colmi).

1) Genova

  • Gioia per la vista e il palato: L’antica Polleria Aresu di Anna e Sergio: ampia scelta di carni fresche selezionate e introvabili e uno stupendo bancone in marmo super instagrammabile.
  • La bottega dello stoccafisso: dalla vetrina si vedono antiche vasche di marmo dove si trovano in ammollo stoccafisso e baccalà e, appesi al soffitto, stoccafissi secchi pronti per essere immersi. Dall’altro lato del locale, si trova un’ampia scelta di gastronomia con varie preparazioni a base di baccalà, ma anche torte di verdura e il mitico minestrone.

2) Parma

  • Panetteria Rosetta, gestita dalla signora Giovanna e da suo figlio, un ottimo posto dove fare spesa di prodotti artigianali locali: gli anolini soprattutto per cui Parma è famosa in tutto il mondo, possono essere surgelati e preparati poi a casa, mesi dopo.
  • Qualcuno dopo aver gustato un mitico panino di Pepen sul posto (minuscolo locale in centro città) ne ha poi ordinati qualche decina, ha chiesto di metterli sottovuoto e li ha caricati in macchina fino a Colonia. Il segreto pare stia in tutti gli ingredienti dell’imbottitura fatti in casa.

botteghe alimentari

3) Le botteghe alimentari di Locorotondo

  • Cummè, una bottega old style che offre vini della zona, oli biologici e conserve artigianali. Nessun turista ne esce senza un souvenir alimentare, rigorosamente handmade.
  • L’Arco de Tipici. lo scorcio fiorito davanti alla bottega lo rende particolarmente instagrammabile. Qui si degustano (e portano a casa) il capocollo di Martina Franca, i prodotti caseari artigianali, i prodotti da forno locali, i sottoli, le creme di verdure, le confetture, l’olio di oliva di Convertini i vini delle Cantine Cardone di Locorotondo, i biscotti di Ceglie Messapica, i rosoli e gli amari di Gravina.

4) Palermo

  • Dopo la visita alla chiesa dell’Ammiraglio (o Martorana), degna di menzione per i suoi scenografici affreschi, gli elaborati mosaici e soprattutto il suggestivo e maestoso Cristo Pantocratore, è d’obbligo fermarsi all’attiguo monastero di Santa Caterina. Li è possibile trovare dolci e deliziosi frutti realizzati con pasta di mandorle tipici del palermitano.
  • La Bottega Alimentare del Cassaro  un punto di riferimento per tutti coloro che vogliono immergersi nei colori, i sapori e gli odori della Sicilia autentica: una vera gioia per gli occhi e il palato. 50 aziende selezionatissime locali che propongono pasta, olio, vino, marmellate, salse, conserve tipici della zona e introvabili altrove.