Roma film festival 2018
16 ottobre 2018   •   Argia Renda

Roma film festival 2018, la Capitale fa brillare le sue stelle

«Torna il Roma film festival 2018, la Capitale riaccende i riflettori dal 18 al 28 Ottobre all’Auditorium Parco della Musica.»

L’evento Roma film festival 2018 è giunto alla tredicesima edizione, la Festa del Cinema nella Capitale, ritorna come ogni anno a farci visita e, come anticipato, sarà ospitata all’Auditorium Parco della Musica e in altri splendidi luoghi di Roma. Le curiosità protagoniste di questa nuova stagione del Roma film festival 2018, sono le nuove strutture del luogo, tutte firmate da Renzo Piano, che ha fatto di tutto per rendere il luogo che ospiterà: proiezioni, eventi, mostre, convegni e dibattiti, il più accogliente possibile. Ma non è tutto: il red carpet sarà il più lungo al mondo: 1300 mq di passerella.

Fondamentale, per chi non lo sapesse è evidenziare come un ruolo importante al Roma film festival 2018 è quello della Fondazione Cinema per Roma che con il supporto dei Soci Fondatori e del Main Partner, BNL Gruppo BNP Paribas ha organizzato tutto. Non solo, il direttore artistico della Festa del Cinema di Roma è Antonio Monda, scrittore, docente universitario e curatore di celebri retrospettive presso le più prestigiose istituzioni culturali americane; durante il suo lavoro è affiancato da un Comitato di Selezione coordinato da Mario Sesti e composto da Richard Peña, Giovanna Fulvi, Alberto Crespi, Francesco Zippel, Valerio Carocci.

Film italiani presenti

Tra i film italiani d’apertura, troviamo: Il Vizio della Speranza di Edoardo De Angelis, che racconta la storia di Maria, il cappuccio sulla testa e il passo risoluto. Un’esistenza trascorsa un giorno alla volta, senza sogni né desideri, a prendersi cura di sua madre e al servizio di una madame ingioiellata. Insieme al suo pitbull dagli occhi coraggiosi, Maria traghetta sul fiume donne incinte, in quello che sembra un purgatorio senza fine. È proprio a questa donna che la speranza un giorno tornerà a far visita, nella sua forma più ancestrale e potente, miracolosa come la vita stessa. Perché restare umani è da sempre la più grande delle rivoluzioni.

Mentre tra i film italiani di chiusura al Roma film festival 2018, ci imbattiamo in Paolo Virzì e le sue Notti Magiche: Italia ’90. La storia è ambientate nella notte in cui la Nazionale viene eliminata ai rigori dall’Argentina, in cui un noto produttore cinematografico viene trovato morto nelle acque del Tevere. I principali sospettati dell’omicidio sono tre giovani aspiranti sceneggiatori, chiamati a ripercorrere la loro versione al Comando dei Carabinieri.

Inoltre, il Roma film festival 2018, regala tanto spazio agli Incontri Ravvicinati con autori, attori e protagonisti della cultura italiana e internazionale. Tra i tanti sono presenti Alba e Alice Rohrwacher, Giuseppe Tornatore, Martin Scorsese, Cate Blanchett.

Senza dimenticare che l’evento del Roma film festival 2018 conserva dentro di sé, tanta storia, che emerge grazie agli omaggi, come quello per Carlo Vanzina, a pochi mesi dalla scomparsa del regista della commedia all’italiana. Non a caso sarà trasmesso Sapore di Mare, film campione d’incassi a trentacinque anni dall’uscita. E ancora l’omaggio a Vittorio Gassman con Sono Gassman! Vittorio Re della Commedia, di Fabrizio Corallo che rievoca il grande attore a diciotto anni dalla sua scomparsa.

Infine, impossibile non citare il restauro della Grande Guerra di Mario Monicelli, a cento anni dalla fine, il Roma film festival 2018, la ricorda grazie al lavoro di Aurelio De Laurentiis e della Cineteca Nazionale.

Argia Renda