Francesco Totti
29 Settembre 2016   •   Snap Italy

Francesco Totti: il compleanno dell’ottavo Re di Roma

«Mi sfottono per l’accento, per i modi, per qualche parolaccia. La pensino come vogliono, io sono nato romano e romanista. E così morirò.»

27 settembre. Un giorno qualsiasi per molti ma sicuramente non per i tifosi romanisti. Infatti, esattamente 40 anni fa nasceva il loro Capitano, Francesco Totti, “uno dei più grandi calciatori del mondo”, a detta di molti.

Ripercorriamo brevemente i passaggi principali della sua carriera, sempre e solo in maglia giallorossa.

Nasce a Roma il 27 settembre 1976. Fin da piccolo dimostra una grande dimestichezza con la palla. Inizia con la Fortitudo, piccola società nel quartiere San Giovanni, dove vive con la sua famiglia. Qualche anno dopo continua ad allenare le sue innate qualità calcistiche presso la Smit Trastevere.

Il ruolo ricoperto fin da subito è quello di centrocampista, testa e piedi della squadra.

Nel 1986 il primo passo importante verso una carriera a sei stelle, il passaggio alla Lodigiani, società molto ambita a quei tempi. Il ragazzo riesce immediatamente a mettersi in mostra ed ecco che Roma e Lazio fanno a gara per averlo. Considerato il suo tifo e quello della famiglia, la scelta non poteva che ricadere sulla società giallorossa, dove arriva nel 1989.

Da quel momento in poi si alternano convocazioni con la prima squadra a continue vittorie con gli Allievi prima e con la Primavera poi. Le soddisfazioni non finiscono qui per il giovane di Porta Metronia che in poco tempo approda anche in Nazionale.

Il 4 settembre del 1994 arriva il suo primo goal all’Olimpico, con la “maglia dei grandi”, contro il Foggia.

E da qui la storia del Capitano è attualità. A partire dalla conquista del terzo scudetto della squadra giallorossa nella stagione 2000/2001, per poi passare alle prodezze in Champions League, alla convocazione nella Nazionale di Dino Zoff agli Euro2000, al famoso cucchiaio e ai Mondiali del 2006.

Sarebbe troppo lungo elencare le vittorie, i goal segnati e le presenze registrate da Francesco Totti. E anche abbastanza banale. Questi dati li conosce molto bene chiunque ami il calcio.

Perciò veniamo al suo compleanno…

Festeggiato due giorni fa, se ne sente ancora parlare molto. Sì, perché gli auguri ricevuti e il party organizzato non sono di certo passati inosservati agli occhi del grande pubblico.

Il Capitano, in occasione di questi 40 anni, ha deciso di approdare finalmente su uno dei social network più utilizzati, Facebook. Ha aperto la sua pagina ufficiale, e per inaugurarla, ha realizzato una diretta alle ore 20 dal castello in cui ha deciso di festeggiare.

Gli auguri lo hanno sommerso. Sono arrivati più o meno da ogni capo del mondo. C’è stato Leo Messi, Usain Bolt, il mister Spalletti, Aurelio De Laurentiis, Fiorello, Carlo Verdone, i maestri del tennis, Federer, Nadal e Djokovic, Jovanotti (che compiva 50 anni lo stesso giorno), gli amici di sempre, Cassano e De Rossi, e poi tanti tanti altri.

E la “blindatissima festa” ?

Si è svolta presso il Castello di Tor Crescenza, stessa location scelta da Totti per le nozze con Ilary Blasi nel 2005. Anche qui gli invitati non sono mancati di certo. Circa 300 persone. La serata si è aperta con una cena più intima, per andare poi a sfociare in un party a base di musica e caviale. Tra i partecipanti ovviamente la squadra del Capitano e il mister, il presidente del Coni, Malagò, Max Biaggi, ex compagni come Marco Borriello o Candela, Teo Mammuccari e molti altri. Brindisi, tante risate, e niente regali. Già, Francesco Totti ha chiesto ai suoi invitati di realizzare piuttosto una donazione benefica.

Non sappiamo ancora quando questo campione smetterà di calciare il pallone (almeno per lavoro), ma siamo sicuri dell’affetto che i tifosi nutrono nei suoi confronti. A tal proposito, è nata addirittura una petizione su Change.org per chiedere che gli sia data la possibilità di rinnovare il contratto, perché “finchè ci sarà Totti, la passione e l’amore della gente non tramonterà mai”, queste le parole dei tifosi promotori.

Insomma staremo a vedere quale saranno le prossime pagine di questo libro già molto emozionante che porta sulla copertina il nome di Francesco Totti.
Intanto, anche se con qualche giorno di ritardo, tanti auguri Capitano !

Chiara Rocca