24 Novembre 2016   •   Verdiana Cavezzan

Photo Vogue Festival: i 30 talenti italiani in mostra

“Eccomi qua, fotografo dilettante, con un profondo senso di ammirazione per la forma umana e convinto che sia la cosa più bella che Dio ha fatto su questa terra” queste le parole dello scrittore-fotografo Lewis Carrol che omaggiava la fotografia e la bellezza umana, protagoniste del Photo Vogue festival.

La fotografia? Un’arte conosciuta dall’umanità e al giorno d’oggi ormai praticata da tutti grazie allo sviluppo delle nuove tecnologie e ai social. Facciamo foto di continuo, sia a oggetti che a persone, cerchiamo di cogliere il particolare che ci è  saltato all’occhio oppure cerchiamo di mettere in luce ciò che di bello vediamo in una persona o semplicemente in noi stessi. “Fotografie: ne vedo ovunque, come ognuno di noi oggigiorno. Dal mondo esse vengono a me senza che io le chieda, non sono che immagini” già il grande Barthes in tempi lontani descriveva così la fotografia.

Da sempre la bellezza femminile affascina, a tal punto da volerlo fotografare per onorarlo e apprezzarlo ogni volta che si vuole e c’è chi di questa disciplina ne ha fatto una professione ed ha scelto la moda come soggetto preferito, con fotografie che racchiudono particolari magici e surreali, sguardi penetranti, gioiosi o drammatici che solo l’obbiettivo di una fotocamera riesce a cogliere.

Per celebrare la fotografia di moda e la sua arte, Vogue Italia ha pensato di dedicargli una mostra “Photo Vogue Festival” a Milano dal 22 al 29 novembre. Per la prima volta un festival dove la grande fotografia del fashion system e la moda saranno i protagonisti assoluti. Sarà un festival presieduto dalla direttrice di Vogue Italia Franca Sozzani e diretto dal senior photo editor Alessia Glaviano che ha dichiarato: “Il mondo della moda è considerato snob. La nostra intenzione è di andare in senso esattamente contrario e di accorciare la distanza tra questa realtà e le persone, in primis i giovani. Certo, ci sono altri piccoli festival di fotografia di moda, ma non c’è nessuno cosi qualificato. Non potevamo che essere noi a dare importanza al linguaggio di queste immagini perchè l’immagine è la nostra storia, la moda è un linguaggio e la fotografia pure.”. Un viaggio appassionante nel mondo della fotografia  che coinvolgerà la città intera attraverso incontri, conferenze e mostre. Sono due le principali mostre: a Palazzo Reale dove dal 24 al 29 novembre ci sarà il Vanessa Beecroft polaroids 1992-2016“, monografia dedicata all’artista italiana dallo sguardo anticonvenzionale e l’altra , al Base Milano, con due mostre, “The Female Gaze” e “Photovogue in Fashion.

Vanessa Beecroft è un’artista italiana, che ha trasformato la sua passione nel suo lavoro. La sua idea iniziale era quella di realizzare  performance, utilizzando il corpo di giovani donne più o meno nude, mosse secondo precise coreografie  e secondo regole dettate dalla stessa Vanessa, che cerca sempre di creare dei quadri viventi. L’interesse delle fotografie della Beecroft è principalmente  focalizzato sullo sguardo, il desiderio e il mondo della moda. E’ l’artista italiana piu discussa per le sue performance, nelle quali cerca di rappresentare le ossessioni femminili legate al corpo e allo sguardo degli altri, ha un’interesse particolare per il corpo femminile ed  è una donna tutto fare, conosciuta in tutto il mondo, a stretto contatto con personaggi noti del mondo del cinema e sopratutto della moda. Valentino, che ha scelto lei per creare la performance per la sua collezione    wabi-sabi, dice: “chiedere a Vanessa, poi, di interpretare questa nostra idea di rendere unici dei capi unisex è stato quasi automatico: nessuno come lei, in maniera estremamente contemporanea e forte, è in grado di fondere , attraverso la sua arte i concetti di bellezza, realtà, perfezione, unicità e diversità”. Imperdibile quindi la sua mostra a Palazzo Reale con polaroids  e sculture , un’unione perfetta tra classico e contemporaneo.

 “The female gaze” rappresenta una celebrazione della bellezza femminile con un mix di fotografie che hanno rivoluzionato la visione del corpo e la sensualità femminile nella fotografia. Con the “female gaze” si intende l’evoluzione della fotografia delle donne che poco a poco hanno iniziato a sostituire il male gaze( lo sguardo maschile protagonista delle fotografie fino agli anni 80)come soggetto di fotografie di moda.

“Photo vogue in Fashion”, invece, è una mostra  di alcuni fotografi emergenti che hanno partecipato ad un concorso sul sito di vogue.it. Sono  30 i talenti scelti da una giuria selezionata, tutti giovani fotografi che hanno scelto come soggetto da fotografare quello che creava un tilt dentro di loro, ciò che li attraeva di più, in questo caso quello che per loro rende una foto viva e animata.

Vogue Italia, da oltre 50 anni, ci racconta atraverso i suoi scatti la rivoluzione del mondo della moda e del costume. Il magazine che ha creato un connubio perfetto tra fotografia e moda, mettendo sempre in risalto l’emancipazione della figura femminile attraverso i suoi flash da urlo! Inoltre  offre una grande opportunità per i giovani talenti della fotografia grazie allo scouting indetto sul canale photovogue.

Una settimana ricca di eventi per gli appassionati della fotografia e della moda. Una visita che si concilia perfettamente ad una passeggiata tra i negozi di Milano, magari durante il black friday del 25 novembre. Un  fashion mix perfetto!

Verdiana Cavezzan