shopping a firenze negozio di moda
15 Giugno 2017   •   Snap Italy

Shopping a Firenze: seguitemi e non ve ne pentirete!

«Ritenetevi fortunati, ho vissuto svariati anni nella “culla del rinascimento” e posso dirvi di conoscere alla perfezione ogni singolo negozio: parliamo di shopping a Firenze.»

Fare shopping a Firenze è qualcosa che si deve fare una volta nella vita (io l’ho fatto tante volte ma questa è un’altra storia!), perché anche se devi entrare da “99 cents” respiri il lusso che questa città ha da offrire.

In questa città medievale – patrimonio dell’UNESCO – si può trovare tutto ciò che un fashion victim ha in memoria nella sua wish list, un paradiso dello shopping che va dalle boutique d’alta moda, alle gioiellerie e ai prodotti artigianali di pelletteria. È talmente famosa per quanto riguarda la moda che, ogni anno si organizzano visite guidate – chiamate Percorsi di moda a Firenze –  che permettono di percorrere i luoghi dove vengono realizzati i prodotti di moda che fanno tuttora la storia di questa città.

Il vostro mezzo di trasporto preferito sono i piedi? Niente di meglio per fare shopping a Firenze: la città toscana, infatti, è a misura d’uomo, ed il distretto commerciale del lusso lo troverete semplicemente camminando verso il centro storico.

Ma iniziamo il nostro tour virtuale: chiudete gli occhi e fate conto di essere lì. Appena scesi dalla stazione di Santa Maria Novella attraversate la piazza e camminate verso via della Spada, ad un certo punto, vi renderete conto di essere giunti alla meta, non potete sbagliarvi: siete arrivati all’incocrio con via de’ Tornabuoni. Qui troverete Roberto Cavalli che vi accoglierà con il suo caffè all’angolo ed il suo store dallo stile inconfondibile. A questo punto avrete l’imbarazzo della scelta: se andate a sinistra incontrerete Bulgari, Tod’s, Max Mara, Pomellato e Casadei, se andate a destra Gucci fa da capofila, seguito da Prada, Giorgio Armani, Gianfranco Lotti, Fendi, Loro Piana, Emilio Pucci, Valentino, Ermenegildo Zegna e l’imponente palazzo/museo di Salvatore Ferragamo. Sì, lo so, vi girerà la testa perché non è finita, via dè Tornabuoni per quanto lunga sia, dirama il suo lusso in diverse strade laterali: in via Porta Rossa fra Missoni ed Eredi Chiarini, in via degli Strozzi fra Boggi, Emilio Cavallini, Paolo Tonali, Massimo Rebecchi, la Sartoria Rossi, Ruco Line, Etro e Borrelli, in via della Vigna Nuova (che porterà verso Piazza della Repubblica e che a sua volta si dirama in via Roma, via degli Speziali e via del Corso) scoprirete Bottega Veneta, Salvini, La Perla, Patrizia Pepe, Dolce & Gabbana e Falconeri.

Già stanchi? Prima di proseguire potrete fare una pausa caffè da Gilli o da Giubbe Rosse che sono una tappa obbligata a piazza della Repubblica, e poi rifiondatevi nello shopping a Firenze con Roberto Biagini, Massimo Dutti, Miu Miu, Luisa via Roma, Pinko e Flavio Castellani.

Incamminiamoci adesso verso Ponte Vecchio, tempio indiscusso dell’arte orafa, delle arti argentiere e delle gioiellerie più prestigiose della zona. Il lusso qui “si spreca” e potrete acquistare pezzi unici realizzati da maestri artigiani e, se per le vostre tasche è tutto troppo caro, ammirate solamente, vi assicuro che non troverete nessun posto uguale al mondo e, anche se solo per gli occhi, vale la camminata.

Ma Firenze non è famosa solo per questi maestri artigiani, lo è anche (e soprattutto) nel Belpaese e in tutto il mondo, per il settore manifatturiero della pelletteria. Non esiste turista che si rispetti che non abbia acquistato almeno un portamonete in pelle colorata. Il profumo che respirerete è inconfondibile ed autentico. Girovagando tra le tante bancarelle, infatti, scoverete borse, valigie, giacche e quant’altro: partendo dal mercato di San Lorenzo, via Pellicceria e fino ad arrivare nelle vicinanze di piazza Santa Croce e Borgo dè Greci potrete ammirare i vari negozi e laboratori di pelletteria. Proprio nel chiostro della chiesa Santa Croce, tra l’altro, dimora la Scuola del Cuoio, dove gli artigiani esercitano sotto gli occhi degli acquirenti. Borse classiche ed eleganti e articoli da regalo sono in vendita da Bojola, Il Bisonte e Beltrami di vecchia scuola, da Coccinelle e Furla invece se vi garba (come si dice da queste parti) uno stile più moderno.

Concedetevi un momento, ma poi ripartite. Fare shopping a Firenze in questa stagione ne vale veramente la pena, perché Firenze è piena di gente e di vita, di odori e di colori, di turisti e di fiorentini. Come tante altri milioni di persone v’innamorerete di questa città, e già dopo un breve tour non vorrete più andare via!

Samuela Nisi