costumi interi
13 giugno 2018   •   Francesca D’Arienzo

Costumi interi: ecco 3 brand Made in Italy che li producono

«L’estate è alle porte e tra i capi da mare più chic per eccellenza vi sono i costumi interi. Vediamo quali sono alcuni dei più importanti brand Made in Italy che li producono.»

Pronti per la prova costume? Forza e coraggio perché non c’è da temere. I costumi interi rappresentano il capo da mare perfetto per la fisictà di ogni donna. Per una donna curvy dal girovita largo i costumi interi sono in grado di nascondere la pancia e le rotondità di troppo. Per chi, invece, è molto magra i costumi interi sono perfetti perché fasciano il corpo mettendo in risalto i punti di forza.

Inoltre, per chi è attento alla moda, indossare i costumi interi significa essere cool e al passo con le tendenze. Infatti, sulle passerelle i costumi interi sono i protagonisti assoluti di questa stagione. Sofisticati, minimalisti e super chic, i costumi interi si addicono sia per il classico look da spiaggia ma anche per una festa o un aperitivo a bordo piscina. Ecco quali sono i brand Made in Italy che li producono in diverse varianti e colori.

Dive d’Estate Beachwear

È una ditta di Sermide, in provincia di Mantona, che produce costumi da bagno e moda mare. La particolarità di questo brand è la selezione dei tessuti solo di prima qualità e la cura e la precisione nei dettagli. Arricchiti con strass, pailletes, fiocchi e gioielli, i costumi interi sono disponibili in diverse varianti. La perfetta vestibilità, i materiali unici e la durabilità nel tempo contribuiscono a fare di ogni capo Dive D’Estate Beachwear un piccolo capolavoro.

Ogni costume rispetta i rigorosi controlli di qualità effettuati nei suoi laboratori. Tessuti in tinta unica, fantasia e laminato con capi dai tagli moderni e confortevoli in grado di offrire a chi li indossa una sensazione di benessere fisico ed estetico. Un mix perfetto tra moda e gusto per soddisfare le richieste di tutte le donne. Chi indossa i costumi interi Dive d’Estate Beachwear avrà un capo curato, di tendenza e di qualità Made in Italy.

Huitre

Huitre è un marchio italiano prodotto dalla Rimar, un’impresa emergente nata nel 2002 dall’idea di una imprenditrice campana, Maria Sabbatino. Il suo nome ha un significato simbolico: letteralmente ostrica perlifera. Un riferimento alle perle che impreziosiscono le donne, così come si propongono di fare i capi della sua collezione. Inoltre, ha come obiettivo valorizzare la bellezza con eleganza e originalità. Ogni anno propone capi sempre all’avanguardia grazie ad una continua ricerca di mercato. I costumi interi della collezione sono rivolti ad una donna giovane, dinamica, attenta alle tendenze e sicura del proprio fascino. Una donna che vuol mostrare la propria sensualità ed eleganza sia in spiaggia che in città.

I capi Huitre sono realizzati combinando tecnologie e lavoro manuale di ricami e applicazioni. Questi ultimi impreziosiscono i modelli e li rendono unici, senza tralasciare ottima vestibilitàcomfort, perfetta asciugatura ed impeccabile rapporto qualità-prezzo.

Sundalia

È la nuova linea di costumi da bagno nata in Sardegna: un mix perfetto tra lusso, design ed esclusività. Il nome del brand deriva dalla fusione di  “sàndalia”, antico nome greco della Sardegna che significa “sandalo”, con il termine inglese “sunday” (domenica, letteralmente “giorno del sole”) e racchiude in sé tutta l’energia positiva del sole, dalla forza vitale, luminosa e rigeneratrice.

La sua collezione è rivolta a tutte le donne forti e coraggiose, guerriere e moderne che sono amanti del lusso e di uno stile di vita glamour e sofisticato. I costumi interi che proprone sono molto versatili e in grado di valorizzare la silhouette garantendo comfort e portabilità. Sono studiati per esaltare con eleganza la bellezza naturale di ogni donna, con un’attenzione ai tessuti, ai dettagli e alle finiture. Ogni capo è ideato e realizzato in Sardegna, dal concept al design fino alla confezione. Sundalia rappresenta alla perfezione i mille volti di una terra unica sinonimo di stile esclusivo.

Francesca D’Arienzo