brand sportivi
12 giugno 2018   •   Raffaella Celentano

Brand sportivi: ecco i grandi nomi dello sportswear italiano

«Quali sono i migliori brand sportivi Made in Italy? Scopritelo con la nostra speciale TOP 5 dedicata ai grandi nomi dello sportswear italiano»

Prima che l’athleisure invadesse i nostri guardaroba e si trasformasse in un’inaspettata (e irriverente) tendenza della moda internazionale, lo stile sportivo era una prerogativa esclusiva degli atleti. E i brand sportivi facevano di tutto per vestirli o per sponsorizzare i maggiori eventi internazionali legati allo sport. È così che sono nate le grandi aziende dello sportswear.

Ma se pensavate che i grandi brand sportivi fossero solo i colossi statunitensi, vi sbagliate di grosso! L’Italia, infatti, ha visto nascere alcuni tra i maggiori marchi di abbigliamento sportivo, che hanno pian piano conquistato atleti e sportivi di tutto il mondo. Lo stile italiano unito alla passione per lo sport ha dato vita ad importanti aziende, che si sono imposte nel panorama moda mondiale e hanno ottenuto importantissime collaborazioni nel mondo sportivo. Ma quali sono questi colossi dello sportswear? Siamo sicuri che ognuno di noi ha almeno un capo prodotto da questi brand sportivi nel suo armadio… Non ci credete? Date un’occhiata alla nostra TOP 5.

L’azienda è nata grazie ad un fortunato incontro fra un giovane atleta Raimondo Tauro e il designer Renato Vendramel. Da questo incontro nasce nel 1967 la Meeting Group S.p.A., una dinamica realtà trevigiana, diventata in breve leader nel mercato premium sportivo italiano. Lo sportswear made in Italy, nato per sfida, diventa così realtà. Un trend sempre più attuale ed in grande espansione che porta oggi il nome DEHA. I suoi prodotti oggi sono distribuiti in più di 1.500 multibrand stores in tutto il mondo e nei più prestigiosi department store internazionali.

La parola Diadora, dal greco dia-dora, significa “condividere doni ed onori”. E proprio la condivisione dei successi, il senso della squadra nella pratica agonistica, la competizione rispettosa dei compagni e degli avversarsi, sono alcuni dei principi essenziali del marchio. Nato nel 1948 come un laboratorio artigianale dove si realizzano scarponi da montagna, in breve tempo si afferma nel mercato italiano e negli anni Sessanta si avvicina al mondo dei brand sportivi. Ben presto sviluppa una nuova concezione di marketing sportivo: i suoi prodotti sconfinano dalla pratica agonistica al tempo libero, e l’azienda diventa protagonista indiscussa di numerose competizioni internazionali.

Un nome internazionale per un brand tutto italiano. Nel 1976 l’imprenditore Carlo Freddi avvia un’azienda specializzata nella produzione e nella vendita di scarpe per la danza classica e la ginnastica ritmica, La Danza Srl. Negli anni Ottanta il marchio, nel frattempo diventato Freddy (partendo dal cognome del fondatore e sostituendo la i con la y per rendere il brand più internazionale e riconoscibile), si diffonde grazie a fenomeni di costume quali il boom dell’aerobica e del fitness. Nel corso degli anni il marchio è stato fornitore ufficiale e sponsor di associazioni sportive come la Federazione di Aerobica italiana e francese, la Federazione Ginnastica d’Italia, la Federazione Italiana Danza Sportiva, il Corpo di ballo e l’Accademia del Teatro alla Scala, l’Accademia Nazionale di Danza e The Royal Ballet di Londra.

Nel Marzo 1947, dopo l’esperienza pluriennale nel settore della pelletteria, Orlando Leone fonda Leone 1947, fabbrica milanese di articoli sportivi. La passione per il pugilato indirizza il fondatore verso la produzione di articoli inerenti questa disciplina sportiva e l’azienda diventa ben presto leader di mercato. Tutti i pugili italiani hanno indossato i famosi guanti Leone, contribuendo al successo dell’azienda che ben presto approda anche oltreoceano e si fa strada tra i maggiori brand sportivi internazionali. Oggi il marchio è arrivato all’operatività della terza generazione e continua a crescere e migliorarsi sempre più, restando al passo con le nuove tendenze e con i brand sportivi internazionali.

Nel 1973 nel distretto calzaturiero di Montebelluna, in provincia di Treviso, nasce Lotto Sport Italia. L’esordio nel settore delle calzature sportive avviene con le scarpe da tennis, seguite ben presto dai modelli da basket, pallavolo, atletica e calcio. Impossibile, quando si parla di questo marchio, non associarlo allo storico logo della doppia losanga: si tratta di un campo da calcio e un campo da tennis sovrapposti, simboli della passione per lo sport e per il fair play. Ben presto il brand inizia a farsi conoscere, arrivando all’apice nel 1982 con il trionfo dell’Italia ai mondiali di calcio. Ancora oggi il marchio continua a sponsorizzare eventi sportivi di portata mondiale, soprattutto nel mondo del calcio e del tennis, ma ben presto si avvicina anche al mondo della moda, sfilando sulle passerelle internazionali di Milano, soprattutto grazie all’opera del direttore creativo Damir Doma.

 

Foto: Pagine ufficiale Facebook DEHA, Diadora, Freddy, Leone 1947, Lotto.

Raffaella Celentano