isole
16 Giugno 2016   •   Snap Italy

Isole più belle d’Italia. Quale sarà la più bella?

«Il patrimonio insulare italiano consta di oltre 800 isole, di cui solo un’ottantina sono abitate, comprese le due più grandi isole del mar Mediterraneo, la Sicilia e la Sardegna, le cui regioni costituiscono la macroarea dell’Italia insulare

L’arrivo della bella stagione stimola le fantasie verso quei luoghi marittimi che andremo a conoscere, si spera, durante le vacanze estive. Stimati, invidiati e riconosciuti in tutto il mondo sono quei paradisi isolani di cui il nostro Paese può vantarsi da sempre. Ustica, Favignana e Lipari sono le isole siciliane che troviamo nella classifica del 2015 rispettivamente in quarta, quinta e sesta posizione. In tutti i luoghi è la ricchezza del Mediterraneo l’assoluta protagonista. Basta pensare a Lipari: qui si trovano acri di terreno dove la malvasia si arricchisce di sapore, appassita al sole caldo della Sicilia; accanto le piante di cappero, altra eccellenza isolana, per un mix dolce e salato che parla delle bellezze isolane dal primo piatto al dessert.

Capri (sito ufficiale) si conferma al primo posto come l’isola più bella d’Italia. Nel golfo di Napoli, a differenza di Ischia e Procida è di origine carsica; caratteristici sono i Faraglioni: tre piccoli isolotti rocciosi a poca distanza dalla riva che creano un effetto scenografico e paesaggistico; ad essi sono stati attribuiti anche dei nomi per distinguerli: Stella per quello attaccato alla terraferma, Faraglione di Mezzo per quello frapposto agli altri due e Faraglione di Fuori (o Scopolo) per quello più lontano dall’isola. Ma Capri è anche grotte e viuzze che si inerpicano lungo il cuore dell’isola campana, piazze che hanno visto e vedono ancora oggi le star del cinema, dello spettacolo e le grandi personalità del mondo.

Ischia, siamo ancora in provincia di Napoli, a poca distanza da Procida e Vivara, terza isola più popolosa d’Italia dopo Sicilia e Sardegna. Angolo dalla bellezza che quasi stordisce: dalla forma di un trapezio, il punto più alto è quello del Monte Epomeo al centro dell’isola, un vulcano sottomarino sprofondato di cui rimane solo la punta. La baia del Golfo raggiunge picchi di grandiosità tra i flutti delle acque blu del mare, i profumi della macchia mediterranea e uno stile di vita che permette di tirare il freno e godersi il bello della vita. Ischia è anche terme, le più antiche d’Europa: un piccolo paradiso sulla Terra.

Segue la Sicilia e, in particolare, l’isola di Lampedusa, che vanta anche il primato della spiaggia più bella d’Italia per il 2015. Siamo all’estremo sud d’Italia e d’Europa, tra l’Africa e il Vecchio Continente, appartenente all’arcipelago delle isole Pelagie ed è la quinta per estensione delle isole siciliane. Sole, mare, spiagge incontaminate, fondali ricchi di vita marina, dopo un tratto di costa più alta, che sormonta la baia della Tabaccara, si giunge in vista dell’isola dei Conigli che dista poche decine di metri dalla costa dove si trova la spiaggia omonima, e dove un tempo Domenico Modugno trascorreva le sue vacanze e dove è morto, il 6 agosto 1994. Quadro perfetto per una vacanza da sogno.

La Sardegna è rappresentata dalla splendida isola della Maddalena: è l’isola principale tra le sette componenti l’arcipelago nella provincia di Olbia-Tempio, compresi all’interno del Parco Nazionale dell’Arcipelago di La Maddalena, un’area protetta marina e terrestre di interesse nazionale e comunitario. Celebre oltre che per la bellezza dei suoi litorali, di cui si ricorda la famosa spiaggia rosa, anche per essere stata l’ultima dimora dell’Eroe dei Due Mondi Giuseppe Garibaldi che ha costruito, a Caprera, la famosa “Casa bianca”, oggi casa Museo aperta al pubblico dove si può visitare la tomba dove riposa.

Infine non mancano due località amate dai turisti di tutto il mondo: la prima è l’isola d’Elba, la più grande dell’arcipelago toscano, fa parte della provincia di Livorno ed è la terza più grande d’Italia. Un famoso panorama dell’isola è chiamato I Tre Laghi, in quanto sono visibili i golfi della Biodola e del Viticcio insieme al retrostante Canale di Piombino, mentre la zona denominata “Costa che brilla” è caratterizzata dalla presenza delle ex miniere di ferro, che rendono uniche con brillantezza e colori tutto l’ambiente circostante, ed in particolar modo le spiagge. Nel 1814 si ricorda che Napoleone Bonaparte è stato isolato all’Elba e ne ha fatto fino al 1 marzo 1815 un Principato.

La seconda invece è l’isola di Ponza di origine vulcanica, si trova nel Golfo di Gaeta e fa parte della provincia laziale di Latina. Le sue spiagge sono per lo più rocciose e costituite da numerosi crateri vulcanici spenti. Famosi sono anche la Scogliera e i Faraglioni di Lucia Rosa, che prendono il nome dalla protagonista di una tragedia realmente accaduta. Lucia Rosa era una giovane donna di diciannove anni, innamorata di un misero contadino ma impedita a sposarlo per l’opposizione della famiglia: la ragazza, in preda alla disperazione, si suicidò gettandosi dall’alta scogliera, che venne ribattezzata in suo nome dagli abitanti del posto. Località di villeggiatura per gli antichi romani che, nella tradizione, narrano di averle dato il nome di Ponza in onore del Governatore di Giudea Ponzio Pilato.

Argia Renda