ossana
27 Dicembre 2018   •   Giulia Pepe

Ossana: alla scoperta del borgo dei 100 presepi

«Ossana è conosciuta come il Borgo dei 100 presepi, anche se ne quest’anno ne espone un po’ di più. Quanti? scopriamolo insieme!»

Il periodo natalizio è iniziato e, da nord a sud, ogni angolo d’Italia si è illuminato. Passeggiando per le strade si respira un’atmosfera diversa, tutto brilla! Oggi vogliamo portarvi ad Ossana, nella Val del Sole. In Trentino, si sa, il Natale è magico e Ossana, che si trova nella magica cornice trentina, ci regala una manifestazione incredibile. Il paese è famoso infatti come il Borgo dei 100 presepi.

Prima di tutto… cosa vedere ad Ossana?

Naturalmente Ossana offre anche altro. Tra i punti di interesse vi segnaliamo innanzitutto l’antico Castello di San Michele. Sebbene non sia un’informazione totalmente certa, la sua costruzione secondo molti risalirebbe all’epoca longobarda. La storia di questo castello è molto interessante, infatti le sue stanze sono state sempre abitate da personaggi celebri e potenti. L’ultima proprietaria è stata Bertha von Suttner, una scrittrice austriaca che nel 1905 vinse il premio Nobel per la pace. In tempi meno recenti, a partire dal Medioevo, il Castello è stato abitato dai vescovi del posto. Successivamente divenne proprietà dei conti Tirolo – Gorizia, mentre nel corso del XV secolo passò ad alcune celebri famiglie come i Federici della Val Camonica, gli Heydorf e i Bertelli.

Sicuramente di grande valore storico artistico sono le chiese di San Vigilio e di Santa Maria Maddalena. La prima è dedicata al vescovo che secondo la tradizione cristianizzò il Trentino tra il IV e il V secolo. Riconoscerete questa Chiesa, a pianta rettangolare, dalla facciata bianca e dal tetto spiovente. Il bellissimo campanile, dall’aspetto tipico del nord Italia, presenta ampie aperture bifore.

Da non perdere è anche la Chiesa di Santa Maria Maddalena, che si trova nella frazione di Cusiano. Una caratteristica interessante di questo luogo è il fatto che sia composta da due parti distinte. La prima risale all’epoca medievale, mentre la seconda è stata edificata nel 1934. Questa chiesetta custodisce al suo interno uno splendido ciclo pittorico che non deve assolutamente essere ignorato!

I presepi di Ossana

Da poco è iniziata la XIX edizione della rassegna dei presepi. Fino al 6 gennaio sarà possibile passeggiare per le stradine del paese e ammirare ben 1400 presepi. Il percorso si apre nella piazza centrale del paese e finisce al Castello di San Michele dove è esposto il presepio sulla Grande Guerra. Nel “Mas dei Voltolini” si può osservare, invece, il presepio sulla tragedia aerea del Monte Giner e  nella Casa degli Affreschi troverete 900 meravigliosi piccoli presepi che provengono da tutto il mondo ed è veramente interessante osservare come sia questa tradizione al di là dei nostri confini e se e quanto differisca da quella del nostro Paese.

Come racconta il sindaco di Ossana, Luciano Dell’Eva, quest’anno si sono aggiunti all’esposizione circa 150 presepi venezuelani. La padrona di questa collezione ha deciso di inviare i suoi presepi ad Ossana perché temeva di perderli a causa dei disordine che tormentano questo posto. Questa tradizione ormai è diventata un’attrazione per i turisti italiani ed internazionali e ciò è senz’altro motivo di orgoglio per questo piccolo borgo che conta poco più di 800 abitanti.

Se non lo avete ancora fatto e siete curiosi ma allo stesso tempo avete paura del freddo non vi preoccupate! Oltre ai presepi c’è anche uno splendido mercatino di Natale che, oltre stupendi a oggetti di manifattura locale, offre la possibilità di gustare cibi e bevande calde del posto. Ovviamente a riscaldare l’atmosfera non mancheranno numerosi spettacoli musicali.

A questo punto cosa state aspettando? Organizzatevi e il prossimo weekend  visitate Ossana!

immagine di copertina: da askanews.it

Giulia Pepe