luoghi della cultura
21 Novembre 2017   •   Francesca Celani

Luoghi della cultura: le più belle città italiane secondo gli artisti

READ ME IN enEnglish

«I luoghi della cultura in Italia sono davvero tanti, ma oggi non sarò io a consigliarveli, bensì 4 artisti con le loro bellissime citazioni e riflessioni su alcune delle nostre città più belle»

Ci sono luoghi nella nostra Italia che sono davvero luoghi della cultura: città che hanno visto passare o nascere fra le loro strade i più grandi artisti di ogni genere. Filosofi, poeti, cantanti, e chi più ne ha più ne metta, sono rimasti sbalorditi dalla bellezza della nostra splendida Italia, e come sorprendersene… Così Manzoni scelse il lago di Como per iniziare i suoi Promessi Sposi, Stendhal si innamorò perdutamente di Napoli, e Goethe viaggiò per tutta Italia, rimanendo affascinato soprattuto da Roma.

Ho selezionato per voi alcune frasi di quattro artisti riguardo alcune delle più belle città, che sicuramente vi convinceranno a visitare questi luoghi della cultura tutti italiani.

Se dovessi cercare una parola che sostituisce musica, potrei pensare soltanto a Venezia”
Friedrich Nietzsche (filosofo)

Nulla, meglio di questa frase, poteva esprimere la sensazione di armonia che ti avvolge appena esci dalla stazione e ti ritrovi nella Serenissima. Venezia è veramente come una musica, il suo motivo ti cattura e non ti esce più dalla mente; è una città, che per la sua peculiarità di sorgere sul mare, sembra essere fuori dal mondo. Unica nel suo genere, Venezia celebra l’amore, ed è il luogo ideale se avete in mente un viaggio di coppia all’insegna del puro romanticismo e della cultura. Se Nietzsche vi ha convinti, recatevi nella città sul mare e ammirate il Ponte dei Sospiri e il Ponte di Rialto, passeggiate lungo il Canal Grande, fatevi un giro in gondola, e arrivate fino alla splendida Piazza San Marco, senza perdervi la basilica di Santa Maria della Salute! (qui troverete tutte le informazioni). Il vostro viaggio a Venezia sarà all’insegna della cultura e dell’amore.

Per mangiare, vi consiglio l’osteria Cantina do spade, che vi offrirà una squisita cucina veneziana ad un ottimo rapporto qualità prezzo. E mi raccomando, non perdetevi assolutamente i cicchetti da consumare al banco!

“Napoli, ai miei occhi è, senza nessun paragone, la città più bella dell’universo”
Stendhal (scrittore)

Stendhal era davvero affascinato da tutto il nostro paese, nel quale visse a lungo. Ma Napoli, con il suo calore, la sua gioia e i suoi colori, gli rubò davvero il cuore. Le tinte calde di questa variopinta città si fondono con l’azzurro intenso del cielo e del suo stupendo mare. Ed è proprio vero che, nonostante le sue contraddizioni, essa ti incanta davvero; non a caso molti cantanti italiani hanno composto straordinarie canzoni su Napoli. La ricchezza artistica e culturale del capoluogo campano è davvero illimitata, tanto che il suo centro storico è stato considerato dal 1985 Patrimonio dell’Unesco. Napoli, nonostante tutti i luoghi comuni sul suo conto, merita davvero di essere inserita nella lista dei più bei luoghi della cultura.

Se volete testare la veridicità della frase di Stendhal recandovi proprio sul posto, non potrete non visitare: Castel dell’Ovo (chiamato così perché si crede che sia un uovo a sorreggere tutta la struttura), il Palazzo Reale, il Duomo dedicato a San Gennaro, la cappella di San Severo che conserva il capolavoro del Cristo Velato di Giuseppe di San Martino, Piazza del Plebiscito. E ovviamente non potrete non passeggiare per lo splendido lungomare. Ah, dimenticavo forse la cosa più importante: qui è obbligatorio assaggiare la pizza, la più buona di tutta Italia. Sicuramente la storica pizzeria Gino Sorbillo non vi deluderà.

Quando sento che mi prende la depressione, torno a Firenze a guardare la cupola del Brunelleschi: se il genio dell’uomo è arrivato a tanto, allora anche io posso e devo provare a creare, agire, vivere” 
Franco Zeffirelli
(regista)

Non era possibile parlare dei luoghi della cultura e non citare Firenze. Quando arrivi nel capoluogo toscano, rimani davvero sbalordito dalla maestosità della cattedrale di Santa Maria del Fiore, che sembra quasi stare stretta in una città così piccola e concentrata.
Forse Zeffirelli aveva ragione: Firenze ti regala positività, non solo perché ti dimostra di cosa sia capace di fare l’essere umano, ma perché è una città calda e colorata, dove senti pullulare la cultura. Basti pensare che ha dato i natali a Dante, Michelangelo, Leonardo Da Vinci, Brunelleschi, Giotto, Botticelli: fa quasi impressione il fatto che una città cosi piccola abbia partorito alcuni tra i più grandi artisti del mondo. E ciò non può che infondervi gioia e fiducia in voi stessi e nel genere umano. E’ l’ideale se volete fare un viaggio all’insegna della cultura, della tranquillità e del buon cibo.

Lasciatevi ispirare dal Duomo, salite sulla cupola di Santa Maria del Fiore e sul Campanile di Giotto (qui saprete come fare tutto con un unico biglietto), ammirate il pittoresco Ponte Vecchio, immergetevi nella cultura recandovi alla Galleria degli Uffizi, e rilassatevi per dare libero sfogo ai vostri pensieri negli straordinari Giardini di Boboli. Per organizzare il vostro viaggio, seguite i nostri consigli su cosa vedere a Firenze. E mi raccomando, non scordatevi di gustare una fiorentina DOC a I Toscani 2, bisteccheria tipica e molto accogliente nel cuore della città.



“Quanto sei bella Roma quann’è sera, quando la luna se specchia dentro ar fontanone e le coppiette se ne vanno via, quanto sei bella Roma quando piove”
Roma Capoccia di Antonello Venditti (cantante)

Roma è la mia città, e sicuramente sono di parte… ma quando si parla di bellezza e luoghi della cultura mi sembra davvero un oltraggio non nominare la caput mundi. Fra le strade di Roma la cultura e la storia non è che ti parlano, ti urlano proprio; passeggiare in un luogo fondato quasi 3000 anni fa, e che per tutto questo tempo ha conservato la sua grandezza è qualcosa che solo nella città eterna si può provare. Non a caso Goethe, scrittore tedesco, diceva: “Roma è la capitale del mondo! In questo luogo si riallaccia l’intera storia del mondo, e io conto di essere nato una seconda volta, d’essere davvero risorto, il giorno in cui ho messo piede a Roma. Le sue bellezze mi hanno sollevato poco a poco fino alla loro altezza”.

Antonello Venditti ha ragione: Roma di sera è ancora più straordinaria. Er Fontanone, ossia la Fontana dell’Acqua Paola vicino al Gianicolo, è già stupendo di per sé, ma di notte, illuminato dalle luci e dalla luna, assume un fascino disarmante. Ma che sia di notte, o che sia di giorno, durante la vostra visita non perdetevi i monumenti simbolo di questa città come il Colosseo, Fontana di Trevi, il Pantheon, Castel Sant’Angelo, Piazza Navona ecc.; ma non fatevi mancare neanche i luoghi più nascosti di Roma, che vi lasceranno anche essi senza fiato.
Roma non eccelle solo per la sua bellezza, ma, come ben si sa, anche per la sua gastronomia: dalla Sora Lella (ristorante della famosissima nonna di Carlo Verdone), potrete mangiare tutti i piatti della vera tradizione romana, cucinati in un modo eccezionale.

Francesca Celani

READ ME IN enEnglish