Olieria: l’oro verde sotto i portici di Bologna

Olieria

29 giugno 2017 • Food • Di: • Visto: 1041

«Nasce a Bologna Olieria, la prima boutique “didattica” per gli appassionati del buon olio d’oliva italiano.»

Via Saragozza è una di quelle strade di Bologna che percorri e piacevolmente osservi; una strada elegante che trasmette la sua storia e ti coinvolge istantaneamente. L’appuntamento con Fabio è al civico 47. Resto subito stupita dalla sobrietà e dalla ricercatezza di questa piccola boutique. Colori naturali e materiali grezzi in una strada dove i rossi e gli ocra sono imperanti. Olieria nasce proprio qui…

La nostra conversazione avviene all’interno, comodamente seduti su un divano stile retrò. Il biologo Fabio Giurgola, origini leccesi ma 27 anni già vissuti nella Dotta Bologna, mi racconta la sua storia, il suo cambiamento, la sua passione. Tantissimi anni nelle aziende ma sente il desiderio di cambiare vita, di rischiare e di farlo per qualcosa d’innovativo.

“Un giorno andai con mia moglie ad acquistare un olio di qualità e nessuno mi riuscì a spiegare le sue proprietà organolettiche, le sue caratteristiche e a giustificarmi quindi il suo prezzo. Fu lì che capimmo cosa avrei fatto da grande.”
Fabio Giurgola

Frequenta i corsi dell’ONAOO di Imperia (Organizzazione Nazionale Assaggiatori Olio d’Oliva) e impara a riconoscere la qualità, i profumi e i colori dell’oro d’Italia. Le varietà di olive per aree geografiche, l’aspetto merceologico e le curiosità. Impara un mestiere e diventa un esperto, conciliando i suoi studi biologici al settore oleario. Ecco cosa vuol fare da grande. Vuole dar vita a Olieria (sito ufficiale).

Pochi metri quadrati, scaffali di legno chiaro e una sezione di tronco d’ulivo sospesa sulla parete principale. Bottiglie sobrie, boccette in vetro e in ceramica decorata, grandi recipienti di latta: gli oli selezionati da Fabio Giurgola per la sua oleoteca sono di tutti i tipi e soprattutto per tutti i palati.

Olieria

Oli leggeri, fruttati medi o intensi, amari, piccanti, monovarietali o oli blend, tutti italiani, extra vergine d’oliva, quindi con zero difetti ma con grandi proprietà benefiche. Dagli ulivi della Lombardia a quelli pugliesi, varietà italiane che esaltano i sapori, “non lubrificano la pietanza ma la arricchiscono, le danno valore”.

Olieria nasce quindi con una missione, quella di diffondere la cultura e l’amore per l’olio in un Paese, secondo produttore europeo e mondiale di olio d’oliva dopo la Spagna, che non deve trascurare la sua grande ricchezza. Fabio non poteva fare scelta più azzeccata che realizzare il suo progetto a Bologna. La vocazione enogastronomica di questa città offre l’atmosfera migliore per iniziative di questo tipo. Bologna “La Grassa”, appunto, è la città del cibo per eccellenza e il suo pubblico è sensibile, curioso ed esigente dal punto di vista culinario e di qualità delle materie prime.

Perché Olieria non è solo un punto vendita: Olieria è “l’enoteca dell’olio” e Fabio una sorta di sommelier. È una boutique didattica e anche un momento ricreativo. Il lungo bancone centrale non è una scelta casuale ma nasce dall’idea di Fabio di somministrare assaggi di olio ai suoi visitatori. L’insegnamento è spesso affidato anche a esperti assaggiatori esterni, invitati da Fabio per dare un utile e un gradevole contributo durante le degustazioni.

Assaggiare l’olio permette a ognuno di capire le proprie esigenze e i propri gusti. Comprare un olio di qualità dovrebbe essere un’azione guidata da un conoscitore che può dare dei consigli e interpretare i bisogni. Le persone hanno bisogno di capire cosa comprano e come possono sfruttarne al meglio le potenzialità. A volte le etichette non bastano. Le parole e l’esperienza hanno sempre un certo appeal e la comunicazione verbale, in un ambiente come Olieria, significa sviluppare empatia, condividere idee, raccontare storie e creare legami.

“Il consiglio che do a ogni mio cliente è di chiudere gli occhi e odorare l’olio. La prima cosa che deve capire in quel momento è se sta provando piacere o no. Qualcuno mangerebbe mai qualcosa con un odore soggettivamente sgradevole?”
Fabio Giurgola

Consigli semplici quelli che Fabio regala ai suoi clienti attenti e curiosi e soprattutto ai suoi visitatori stranieri, amanti dell’Italia, del Made in Italy e del buon cibo, lontani dal concetto di sapori mediterranei ma con un gran desiderio di conoscerli, farli propri ed esportarli.

Olieria

Olieria non è il primo negozio di oli multibrand di qualità in Italia ma il suo è un format originale e informale. Ogni incontro formativo che avviene nella boutique ha lo scopo di educare all’assaggio e alla scelta del proprio olio, quello che esalta il proprio naso e poi successivamente il proprio palato, fino ad essere un piacere per il cuore!

Noemi Rizzo

 

Tags: , , , ,

Comments are closed.