Borse fantastiche: il 2017 all’insegna del Made in Italy

Borse fantastiche

13 novembre 2017 • Fashion & Lifestyle • Di: • Visto: 313

«Volete la tradizione senza rinunciare al buon gusto? Oggi vi presentiamo le borse fantastiche che questo 2017 ci ha regalato. Made in Italy e innovazione non sono mai andati così d’accordo.»

Potremmo parlarvi di passerelle, di abiti bellissimi e di scarpe all”ultima moda, e invece no! Oggi Snap Italy vi racconta la storia di tre borse fantastiche, di tre novità del 2017 che puntano al Made in Italy e alla differenziazione in un mercato sempre più commerciale e di massa. L’artigianato e la pelletteria mai come ora hanno raggiunto picchi di richiesta così alti, forse un po’ dovuti a quella mancanza di tradizione tipica della moda italiana; perché diciamola tutta, i nostri artigiani sono davvero invidiati in tutto il mondo. Maestria, professionalità ed eleganza sono solo una piccola parte di ciò che si può trovare ancora oggi nel settore italiano delle borse artigianali. Le nostre borse fantastiche, quest’anno, vedono protagonisti 3 brand assolutamente innovativi ma pur sempre fedeli alla materia prima e ai metodi di lavorazione, come se evolversi fosse un diritto ma onorare il passato un dovere. Eh sì.. perché qui, dietro oltre a tanti anni di sperimentazione, ci sono percorsi di vita che mantengono ancora salde le radici verso il passato.

Il primo brand di cui vi parliamo è Be Your Bagun’azienda giovane ma in realtà molto vissuta. Perché molto vissuta? Perché Giacomo ed Elena appartengono alla nuova generazione di Marco Pieri, padre di Giacomo e storico fondatore di un marchio che da oltre 40 anni realizza borse e accessori in pieno stile Made in Italy. Questa coppia di giovani talenti, oltre ad essere un duo imbattibile nell’amore, sono anche il chiaro esempio di come l’unione fa la forza nell’imprenditoria del fashion system. Nel 2015 danno vita a Be Your Bag, un modo per rappresentare al meglio il loro mondo, ma anche per far conoscere a tutti le borse fantastiche che produce l’azienda. Il motivo? Far rivivere la tradizione, tramandare a chi non ha potuto conoscerla un pizzico di passione, lavorazione manifatturiera e gusto nostrano. Apparentemente potrebbero sembrare prodotti simili a tanti altri, ma è solo andando a conoscere le caratteristiche che ci si può ricredere immediatamente. Il progetto presenta borse artigianali di tendenza che, a differenza di qualsiasi shopper o maxi bag, risultano interamente personalizzabili a partire dai materiali stessi. Fodere, colori, tessuti, stampe e dettagli diventano un favoloso puzzle da costruire seguendo le esigenze e i gusti del clienti. Il risultato è una borsa che porta impressa la vostra anima, il vostro nome o semplicemente il vostro stile di vita. Le combinazioni sono davvero tante ma i materiali sono forse la garanzia migliore di un prodotto certificato Made in Italy; pelli provenienti dalle migliori concerie per borse fantastiche dai tessuti impermeabili e altamente resistenti. Ogni collezione Be Your Bag parla da sé, è per questo motivo che nello shop online potete riconoscervi attraverso vari mood: Be Romntic, Be Exotic, Be Classic e Be The Artist sono solo alcune delle linee disponibili. Noi siamo rimasti affascinati dalla linea Be One, una linea personalizzabile che unisce lo stile less is more con dettagli originali ma allo stesso tempo semplici. Tote bag, bauletto e trousse diventano il complemento di un look da giorno ideale per qualsiasi evento o lavoro, le iniziali del proprio nome il corredo migliore per non passare inosservato agli occhi dei più addicted.

E poi c’è lui, Gaetano Pollice. Uno dei designer sicuramente più innovativi di questo 2017. Le sue non sono solo borse fantastiche ma anche l’accessorio migliore per chi non vuole rinunciare a stile e originalità. Di strada Gaetano ne ha fatta, Cina, Giappone, India, Russia e Stati Uniti per portare avanti un sogno tipicamente “molisano”: far conoscere le sue origini e rivivere nell’epoca moderna il passato più nostalgico. Come egli stesso spiega queste non sono borse, sono donne vissute in epoche passate che camminano nelle strade di oggi portandosi dietro bagagli di vita e ricordi piacevoli. I ricami a tombolo di Isernia, quella manifattura precisa e attenta alle cuciture, quel gusto riconoscibile da mille miglia, sono l’esatta cornice di una miriade di borse fantastiche mai scontate e sempre più richieste nel mercato degli accessori Made in Italy.

«Ho pianto di gioia a Tokyo, Los Angeles, Seoul e ho pianto di rabbia per la povertà di Delhi e gli occhi splendenti dei suoi bambini. Ma poi sono sempre tornato a casa. E da qui parto oggi, con la voglia di rendere vive le tradizioni, la cultura e i sapori del Molise nelle mie borse.»

Le donne che vivono in ogni borsa macinano chilometri di strade ogni giorno, e arrivano lontano. Arrivano sino al cielo, un po’ come l’ultima collezione intitolata Astro Dreams Collections per l’inverno 2017-18. Dettagli stellari, applicazioni metalliche e colori brillanti per una linea che pensa al futuro e sopratutto allo spazio. Viaggi nuovi, inaspettati e tridimensionali come la forma delle borse stesse. Nero, Blu, Viola, Lilla, Verde e Oro per una palette cromatica dedita alle atmosfere notturne e agli impulsi più evocativi.

Ultimo brand che vi presentiamo: UshbagStavolta Massimiliano Di Domenico e Riccardo Rivolta hanno puntato in alto, da Milano sono arrivati ovunque, un po’ come le loro fantastiche borse. Dedite alle geometrie, agli accostamenti cromatici più curiosi, le borse Ushbag non sono semplici contenitori di idee e portafogli, ma strumenti di valorizzazione personale. Giochi di spazi e colori accompagnano echi di vele nascoste e origami dediti al modernismo più assoluto. Le forme così strane e inusuali di questi bagpack conferiscono quel tocco all’avanguardia e puramente urban che decreta il successo di un’azienda fortemente in crescita e tipicamente futurista. Il punto di forza? bicromie e dettagli a contrasto, insomma un prodotto destinato a diventare must-have per le prossime stagioni.

Anita Atzori

Tags: , , ,

Comments are closed.